Quasi 100 elefanti uccisi in Botswana: è la strage più grave mai avvenuta in Africa

adsense – Responsive Pre Articolo

È considerata la strage di elefanti più grave di sempre. In Botswana, sono stati trovati 87 carcasse di animali uccisi dai bracconieri per le loro zanne, molto richieste dal mercato cinese.

I corpi martoriati degli elefanti sono stati trovati vicino a un famoso santuario della fauna selvatica in Botswana. Il gruppo Elephants Without Borders, che sta conducendo un’indagine aerea, ha detto che questa strage legata al bracconaggio, è la più grande mai vista in Africa.

Il Botswana ha la più grande popolazione di elefanti del mondo. Gran parte degli 87 elefanti morti sono stati uccisi per le loro zanne poche settimane fa e che altri 5 rinoceronti bianchi sono stati uccisi negli ultimi 3 mesi.

“Sono scioccato, sono completamente sbalordito”, ha dichiarato il dott. Mike Chase di Elephants Without Borders.

L’ultimo censimento degli elefanti, condotto nel paese nel 2015, ha registrato il doppio del numero di esemplari rispetto al resto dell’Africa. La cattiva notizia è che sempre secondo il censimento, un terzo degli elefanti africani era stato ucciso nell’ultimo decennio e il 60% di quelli della Tanzania era stato ucciso in 5 anni.

Il Botswana ospita il maggior numero di elefanti africani al mondo, circa 130.000 esemplari. Merito anche della linea dura tenuta contro i bracconieri, almeno fino a qualche tempo fa.

Nonostante la mancanza di recinzioni sul confine internazionale, i dati dei collari di rilevamento hanno mostrato che gli elefanti si ritiravano dall’Angola, dalla Namibia e dallo Zambia e decidevano di rimanere entro i confini del Botswana, dove si pensava che fossero al sicuro.

Quasi 100 elefanti uccisi in Botswana: è la strage più grave mai avvenuta in Africa

Gli episodi di bracconaggio nel paese sono stati rari a causa di una serie di unità anti-bracconaggio armate ma il nuovo governo del presidente Mokgweetsi Masisi a maggio le ha disarmate.

Un alto funzionario dell’ufficio del presidente, Carter Morupisi, ha dichiarato ai giornalisti del Botswana che “il governo ha deciso di ritirare le armi e le attrezzature militari dal dipartimento della fauna selvatica e dei parchi nazionali“, ma non ha spiegato il perché.

Questi ultimi omicidi sono stati trovati nel cuore del Botswana – vicino al santuario della fauna protetta del Delta dell’Okavango, che attira turisti da tutto il mondo.

“La gente ci ha avvertito di un imminente problema di bracconaggio e pensavamo di essere pronti a farlo”, ha detto Chase, secondo cui la causa dell’aumento delle morti è da imputare proprio al disarmo dell’unità anti-bracconaggio del paese.

Dove vanno a finire le zanne?

I sospetti ricadono sul mercato asiatico e in particolar modo sulla Cina. Nonostante il paese abbia vietato il commercio d’avorio, è probabile che ci sia un mercato clandestino, che passa anche per la Cambogia e il Vietnam, dove operatori cinesi lo recuperano per poi immetterlo nel mercato nero o venderlo ai turisti.

adsense – Responsive – Post Articolo