La rivoluzione parte da oggi, al via pagamenti elettronici, Pos obbligatorio per pagamenti superiori ai 30 euro per commercianti e professionisti

adsense – Responsive Pre Articolo

Pagare il fruttivendolo con il bancomat? Da oggi si può, anzi si deve, visto che il 30 giugno 2014 è il termine ultimo imposto a commercianti, artigiani e professionisti per adottare il POS.  Ma cos’è il POS? E’ l’acronimo di Point of sale e sta ad indicare quel dispositivo elettronico che consente di accettare pagamenti elettronici tramite carte di credito, di debito e prepagate. Tale disposizione è stata introdotta per contrastare l’evasione fiscale, per dare un contributo alla trasparenza, cancellando i pagamenti “in nero”, ma anche per semplificare la vita ai consumatori. Nella lista di coloro che dovranno arrendersi alla moneta elettronica ci sono proprio tutti, dall’idraulico al falegname, dal dentista al parrucchiere, dall’avvocato al notaio. L’obbligo di registrare i pagamenti con POS è valido per tutti gli importi superiori a 30 euro. Ma qualcosa sembra stonare in questo decreto: per gli inadempienti, infatti, non sono previste sanzioni. Ci si augura però che in un secondo momento qualcuno pensi anche alle sanzioni da introdurre, poiché altrimenti questa legge sarà inutile.

La rivoluzione parte da oggi, al via pagamenti elettronici, Pos obbligatorio  per pagamenti superiori ai 30 euro per commercianti e professionisti

 

 

 

 

adsense – Responsive – Post Articolo