SANT’ANGELO dei LOMBARDI. A scuola nell’Ellade: politica, arte e amore Terza edizione al De Sanctis della manifestazione nazionale I Classici Contro

adsense – Responsive Pre Articolo

Con l’inaugurazione di venerdì 10 alle ore 17.00 presso l’Auditorium dell’IISS F. De Sanctis di S. Angelo dei Lombardi avrà inizio la terza edizione altirpina della manifestazione promossa dall’Università ‘Ca Foscari di Venezia.

L’iniziativa, coordinata a livello nazionale dai professori Alberto Camerotto e Filippomaria Pontani, mette al centro ogni anno un tema, un’idea, una parola e interpella i Classici, perché “il mondo antico possa essere di aiuto contro la deriva etica, estetica, civica e culturale” del nostro tempo. La parola su cui riflettere nel 2019 è anthropos, che in greco antico indica l’uomo in quanto essere umano, individuo appartenente alla specie umana, ossia senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

I Classici contro pongono al centro di ogni azione la scuola, la ricerca, l’università e la cultura per cercare di raggiungere in questo modo, insieme l’obiettivo del bene comune.

Dunque il ricco programma del De Sanctis, realizzato in armoniosa collaborazione fra i docenti dell’istituto e il partner accademico, prof. Angelo Meriani, docente di Lingua e letteratura greca presso l’Università degli Studi di Salerno, prevede per venerdì 10 alle ore 17.00 l’esibizione del Laboratorio del Dramma Antico degli studenti, che porteranno in scena “Le donne al Parlamento”, un adattamento moderno della commedia di Aristofane.

            Nella mattinata di sabato 11 maggio, nella suggestiva cornice del complesso abbaziale di San Guglielmo al Goleto, si rifletterà sull’Uomo, la sua fratellanza con gli altri esseri della Natura, le sue passioni, tra cui quella più forte, l’Amore, grazie agli interventi dei professori Amneris Roselli dell’Università di Napoli “L’Orientale” ed Enrico Ariemma dell’Università di Salerno. Quindi il professor Mauro Menichetti dell’Università di Salerno parlerà di diritti e responsabilità dell’uomo in quanto cittadino nei confronti del patrimonio culturale della propria comunità di appartenenza. In stretta coesione con il diritto alla tutela dei nostri beni culturali, in occasione della Giornata Rotariana dell’Arte sarà presentato il prodotto finale di un progetto, promosso appunto dalla sezione irpina del Rotary e dall’Istituto F. De Sanctis.

Pertanto nella mattinata di sabato 11 presso l’Abbazia del Goleto, e nel pomeriggio della stessa giornata alle ore 16.00 presso l’area archeologica dell’antica Conza della Campania gli studenti liceali presenteranno le guide digitali dei siti.

SANTANGELO dei LOMBARDI. A scuola nell’Ellade: politica, arte e amore Terza edizione al De Sanctis della manifestazione nazionale I Classici Contro

adsense – Responsive – Post Articolo