SANT’Oggi. Martedì 20 novembre la chiesa celebra Cristo Re dell’Universo, san Edmondo e…

adsense – Responsive Pre Articolo

SANT’Oggi. Martedì 20 novembre la chiesa celebra Cristo Re dell’Universo, san Edmondo e…a cura di don Riccardo Pecchia

Oggi 20 novembre la chiesa celebra Cristo Re dell’Universo, la solennità di Cristo Re dell’Universo nella Chiesa cattolica indica un ricordo particolare di Gesù Cristo visto come re di tutto l’universo. Con essa si vuole sottolineare che la figura di Cristo rappresenta per i cattolici il Signore della storia e del tempo. La storia della festa può essere fatta risalire al1899, quando papa Leone XIII stabilì l’11 maggio la consacrazione universale degli uomini al Cuore di Gesù. Nello stesso anno il SANT’Oggi. Martedì 20 novembre la chiesa celebra Cristo Re dell’Universo, san Edmondo e…gesuita italiano padre Gian Maria Sanna Solaro scrisse a tutti i vescovi italiani perché sottoscrivessero una petizione per chiedere l’istituzione di una festa liturgica. Quarantanove vescovi aderirono alla petizione. Una nuova supplica fu presentata a papa Pio XI dopo il Congresso Eucaristico Internazionale di Roma, nei primi mesi del suo pontificato, sottoscritta da 69 prelati. Nel 1923 fu presentata una terza supplica, con la firma di 340 fra cardinali, arcivescovi, vescovi e superiori generali. Finalmente papa Pio XI stabilì la festa con l’enciclica Quas Primas dell’11 dicembre 1925. Nella forma ordinaria del rito romano la festa coincide con l’ultima domenica dell’anno liturgico.

SANT’Oggi. Martedì 20 novembre la chiesa celebra Cristo Re dell’Universo, san Edmondo e…20 novembre:re dell’Estanglia, la data di nascita dovrebbe situarsi tra l’840 e 841, salì al trono, come re dell’Anglia orientale, nell’855, quando era ancora ragazzo; la sua incoronazione ebbe luogo a Burna (l’attuale Bures St Mary nel Suffolk), che poi funse da capitale del regno. Della vita di Edmondo nei successivi quattordici anni alla sua coronazione non si sa niente. Di certo, però, si sa che in quei tempi l’Inghilterra era continuamente aggredita dai popoli nordici quali i Dani, con sbarchi, scorrerie e saccheggi sulle coste. Questi compirono vari saccheggi tra l’866 e l’870. Nell’870, dopo aver svernato nello York, si diressero attraverso la Mercia verso l’Anglia orientale e stabilirono i loro accampamenti a Thetford. Re Edmondo li sfidò in battaglia, nonostante guidasse delle forze inferiori, ed i Dani guidati dai fratelli Ubba, Ivar e Halfdene ebbero la meglio, lo uccisero e rimasero padroni del campo di battaglia. La cronaca di Abbone di Fleury affianca il martirio di Edmondo a quello di san Sebastiano: egli si rifiuta adorare gli dei pagani dei Dani e viene da questi orribilmente torturato prima di essere ucciso dalle frecce. Non si sa se questo racconto sia vero e neppure se Edmondo sia morto sul campo di battaglia o se sia stato martirizzato in seguito alla sua cattura in un altro luogo, ma gli avvenimenti raccontati hanno probabilmente una base di verità. La battaglia, comunque, ebbe luogo a Hoxne, a sud-est di Thetford, ed il corpo fu seppellito a Beadoriceworth, l’attuale Bury Saint Edmunds. Edmondo, re giusto e martire per il suo popolo, è rimasto vivo nella memoria popolare. Si tramanda che durante il suo regno era solito prelevare, direttamente dalle dispense reali, viveri e beni da donare ai suoi amati sudditi per fare fronte ai duri inverni inglesi. Per questo ricordo è considerato da molti il patrono dei regali.

SANT’Oggi. Martedì 20 novembre la chiesa celebra Cristo Re dell’Universo, san Edmondo e…20 novembre: san Felice di Valois (al secolo Ugo), rampollo della famiglia reale dei Valois nacque nel borgo di Cerfroid (Francia) nell’aprile del 1127. Fin da giovanissimo diede prova di grande carità e compassione verso gli infelici; si narra che un giorno abbia chiesto allo zio duca di liberare e affidare a lui un condannato a morte per omicidio, ne avrebbe fatto un ottimo cristiano. Fu esaudito, e il disgraziato liberato dalla morte, si convertì e da quel momento condusse una vita esemplare. Felice compì regolarmente gli studi, presso l’abbazia di Chiaravalle, e ricevuti gli ordini sacri rinunziò a ogni diritto e ricchezza terrena. Divenne monaco cistercense mutando il nome di battesimo, Ugo, in quello religioso di Felice, e si diede alla vita eremitica. Era quella l’epoca delle Crociate, e Felice conobbe san Giovanni di Matha, il quale aveva concepito il progetto di dedicarsi alla liberazione dei cristiani fatti prigionieri dai turchi. Felice aderì con entusiasmo all’idea, ed insieme andarono a Roma dove papa Innocenzo III approvò il nuovo Ordine della Santissima Trinità (trinitari), i cui membri portavano un abito bianco con croce rossa e azzurra sul petto. L’origine del simbolo è spiegato dalla leggenda con due episodi miracolosi, spesso rappresentati nell’iconografia. Giovanni di Matha, durante a sua prima messa, avrebbe visto in angelo vestito di bianco, con una croce rossa e turchina sul petto, che stendeva le mani su due schiavi, uno moro, l’altro cristiano. In seguito Giovanni si recò a chiedere consiglio a Felice; mentre i due sacerdoti pregavano nella foresta, avrebbero visto giungere un cervo che aveva fra le corna una croce rossa e azzurra. Ritornati in Francia, vennero favoriti dall’autorità. Re Filippo offrì loro le terre per edificare il primo convento; Giovanni s’impose viaggi lunghi e faticosi nell’Africa, dove ottenne la liberazione di 200 prigionieri cristiani, e a Roma, mentre Felice in Francia consacrò libertà, averi e vita per la propagazione dell’Ordine, a Cerfroid, formava nuovi aderenti e raccoglieva le risorse necessarie per il pagamento dei riscatti. Il mezzo più opportuno era il denaro; ma quando non si poteva raggiungere le somme da loro richieste, bisognava offrire la propria vita. Dopo aver avuto la visione della Madonna e di sapere il momento della sua morte, convocò allora i numerosissimi figli, li esortò a perseverare generosamente nella vocazione. Felice morì a Cerfroid il 4 novembre 1212, a oltre 80 anni.

adsense – Responsive – Post Articolo