SAVIANO. La Santa Pasqua nelle parrocchie del nolano

adsense – Responsive Pre Articolo

SAVIANO. La Santa Pasqua nelle parrocchie del nolanoDomenica 21 Aprile 2019 nel mondo Cattolico, come nelle varie parrocchie di Saviano, si è celebrata la Santa Pasqua del Signore. Essa ha origini ebraiche e significa “Resurrezione” cioè il passaggio dalla morte alla vita, dal peccato alla grazia. Il Cristo Gesù come persona umana muore ma risorge come persona divina e sale in cielo a fianco del Padre. La corsa di Pietro e Giovanni al sepolcro, vuole essere la prima testimonianza della risurrezione di Gesù. Questo evento cambia la nostra vita. Dobbiamo vivere da risorti. La Pasqua sia, per tutto il mondo, un momento di armonia, amore e pace per le Famiglie e sia l’inizio per rinnovare con gioia la nostra fede. Il giorno di Pasquetta, Lunedi 22 Aprile 2019, si è distinto per due eventi importanti: la processione dei Battenti per la Madonna dell’Arco e la scampagnata fuori porta. Il primo evento riguarda il commovente rito di devozione alla Vergine dell’Arco di S. Anastasia, che inizia con lo scoppio dei petardi alle prime luci dell’alba e annunzia la partenza dei Battenti o Fujenti dal luogo di origine per il pellegrinaggio al Santuario della Madonna dell’Arco. I numerosi gruppi e Associazione di Fede, di varie età si mettono in viaggio, vestiti di bianco con la bandiera del dolore per giungere nel luogo della Vergine portando atti votivi e doni per la grazia ricevuta. Da cinque secoli si rinnova il ricordo dei vari miracoli compiuti dalla Madonna dell’Arco che incoraggiano i flussi dei pellegrini e devoti alla processione frenetica verso la meta religiosa. Secondo la tradizione i Battenti chiedono protezione e grazia alla Madonna e la loro corsa frenetica deriva dal peccato compiuto dell’empio giocatore di pallamaglio che furioso per aver perso una gara lanciò il corpo contundente verso l’immagine votiva della Madonna che era situata in un edicola sotto un arco romano. La Madonna colpita si mise a sanguinare e l’uomo diventò subito frenetico e corse come impazzito. La moltitudine di persone che arriva nel luogo sacro, prega e invoca la grazia con la speranza di un futuro migliore. Altri cittadini invece preferiscono che questa giornata sia una scampagnata spensierata verso paesaggi incontaminati o in visita di luoghi o monumenti artistici. (Pasquale Iannucci) .

 

adsense – Responsive – Post Articolo