Sesso con l’allievo, il test del Dna conferma: il figlio è del tredicenne

adsense – Responsive Pre Articolo

Auto Polizia

ll caso della donna di 35 anni indagata per presunti abusi su un ragazzino di 13, da cui secondo le accuse ha avuto anche un figlio, arriva a una svolta. Questo pomeriggio i genetisti incaricati dalla Procura hanno depositato i risultati degli accertamenti sul Dna prelevato sul bambino, che ora ha cinque mesi, confermando di fatto le accuse: il bimbo è nato dalla relazione tra la donna e l’adolescente.

I risultati sono arrivati poco prima dell’inizio dell’interrogatorio dell’indagata cominciato intorno alle 17 in Procura a Prato. La donna è arrivata con il marito, passando da un’entrata secondaria, mentre i suoi avvocati hanno raggiunto la procura dall’ingresso principale. L’interrogatorio, a cui partecipa anche il capo della squadra mobile Gianluca Aurilia che ha guidato le indagini sul campo, viene condotto dai sostituti procuratori Lorenzo Gestri e Lorenzo Boscagli.

adsense – Responsive – Post Articolo