Si abbassa i pantaloni in treno e tenta di violentare studentessa

adsense – Responsive Pre Articolo

L’uomo è stato arrestato grazie allo scatto di 200 metri di un giovane appuntato dei carabinieri

 Il vagone era vuoto e lui ne ha approfittato per abusare di una studentessa universitaria. L’aggressore, un egiziano 21enne residente a Milano, è stato arrestato per violenza sessuale. Per i carabinieri non è stato facile bloccarlo: lui ha tentato di scappare a piedi, ma è stato ammanettato poco lontano dalla stazione di Trezzano sul Naviglio, al termine di un inseguimento di 200 metri. E’ successo nel tardo pomeriggio del 31 ottobre. La vittima, una ragazza italiana di 21 anni, aveva appena preso un treno regionale diretto da Albairate a Milano. Insieme a lei, a bordo del vagone, c’era soltanto l’egiziano.

Partito il treno, lui ha cambiato posto, sedendosi accanto a lei, ha preso il cellulare e ha fatto partire un video porno. Poi si è sbottonato i pantaloni e ha cominciato a masturbarsi. La studentessa, spaventata, si è allontanata ma è stata subito raggiunta e afferrata dall’uomo che ha cominciato a palpeggiarla. Lei è riuscita a divincolarsi e scappare, ma ancora una volta è stata bloccata dall’aggressore che l’ha trascinata in un angolo e abbracciata tentando di abbassarsi i pantaloni. Per la seconda volta la ragazza è fuggita e, dopo aver attraversato due vagoni completamente vuoti, si è imbattuta in un un passeggero e, dopo aver chiesto aiuto, ha chiamato il 112.

L’allarme è subito passato al capotreno in servizio a bordo del convoglio che ha effettuato una prima ispezione senza riuscire a individuare l’aggressore che si era nascosto. E’ stato lo stesso capotreno a indicare ai carabinieri riuniti sulla banchina della stazione di Trezzano sul Naviglio un uomo che si allontanava frettolosamente con atteggiamento sospetto. La ragazza ha confermato ai militari che si trattava dell’egiziano che l’aveva appena aggredita. Lui si è messo a correre ma è stato bloccato da un appuntato 30enne che lo ha raggiunto dopo uno scatto di 200 metri nel sottopassaggio della stazione. Per il 21enne si sono aperte le porte del carcere di San Vittore.

adsense – Responsive – Post Articolo