Sirignano. La comunità cittadina ricorda oggi il Miracolo di Sant’Andrea Apostolo

adsense – Responsive Pre Articolo

E’  una giornata speciale per la comunità cittadina, quella che nei cicli annuali coincide con l’ 8 febbraio. E’ la giornata che conduce a ritroso nel tempo e fa ri-aprire l’agenda del 1903 che offre il racconto del Miracolo di Sant’Andrea Apostolo, il venerato patrono della laboriosa cittadinanza che proprio oggi rivive la drammatica e lontana vicenda di oltre un secolo fa. E’ il racconto, trascritto da  Michele Acierno, ch’è stato un ben stimato commerciante nel gestire la frequentata e nota “Salumeria e generi alimentari” di famiglia, e  che è fortemente  legato a  Sirignano, “Paese antico, ricco di fascino e di storia, ma soprattutto ricco di tradizioni culturali e religiose”.

Sirignano. La comunità cittadina ricorda oggi il Miracolo di Sant’Andrea ApostoloIl filo del racconto si alimenta del ricordo dei nonni paterni di Michele, appartenenti ad uno dei  nuclei familiari storici della comunità, da almeno  sette generazioni. E’ il ricordo con cui i nonni Michele e Annunziata Acierno erano soliti descrivere al nipote con commosso e caldo spirito di devozione il Miracolo di Sant’Andrea Apostolo dell’8 febbraio del 1903. E fa da riferimento alla narrazione il vaiolo, la terribile malattia infettiva che cominciò a diffondersi sul territorio nel 1902, rivelandosi, il più delle volte, aggressiva e incurabile. Una tragedia che si abbatté su tante famiglie non solo a Sirignano, ma anche nella vicina Baiano e Sperone nello stesso arco di tempo. Un dramma senza fine, inarrestabile, quando un gruppo di fedeli – era l’ 8 febbraio del 1903 appunto- decise di recarsi nella casa del sindaco, il cav. Pietro Fiordelisi, sollecitandone l’intervento, per implorare l’aiuto del Santo Patrono con un atto di pubblico ritocoinvolgendo il Parroco della Chiesa in cui si venera  Sant’Andrea; e sul nome del Parroco il racconto è oscillante, tra Mannese e Scillato, di cui si dà per certo il profondo senso di carità verso il prossimo. Ma non ha rilevanza. Di fatto, il pubblico rito religioso  fu deciso e attuato all’istante. E così la statua lignea del  Patrono, con l’ostensione del Santo Sacramento fu portata in processione per tutte le strade di Sirignano, che contava poco più di ottocento abitanti. Una processione partecipata e d’intensa devozione nel raccoglimento della preghiera dei fedeli.

L’apice del rito processionale- è il racconto di Michele Acierno che prosegue- fu raggiunto, quando nel passaggio in via Santi oggi via Sgambati, di fronte alla casa di “Zì Tommaso ’a Meccia”  la statua del Santo “fu illuminata dal Sole davanti la casa di Giovanni ‘ o carabiniere” che era stato colpito dal vaiolo. Quello spiraglio di  vivida luce solare fu interpretato e vissuto dalla comunità comeil segno del Miracolo di Sant’Andrea. L’intercessione del Patrono s’era verificata, perché   non solo Giovanni ‘o carabiniere  guarì, ma la malattia scomparve del tutto. E d’allora per la ricorrenza dell’8 febbraio- come oggi- si rinnova il rito della processione di Sant’Andrea Apostolo. Un atto di memoria collettiva.

adsense – Responsive – Post Articolo