SIRIGNANO. La maggioranza replica all’opposizione: “”Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio?”

adsense – Responsive Pre Articolo

“Pubblicani” rancorosi e … EVASORI. Pagare le tasse è un dovere civico, morale ed etico. Ciascuno in rapporto alle proprie possibilità deve contribuire ai costi dei servizi offerti dallo stato, dall’istruzione alla tutela e cura della salute, dalle reti di comunicazione all’assistenza ai più deboli e alle garanzie dovute all’anzianità. Ormai in molte famiglie si paga con fatica e neppure tutte, le bollette che ci permettono di sopravvivere e si cerca di rinviare, per quanto possibile, altri tributi che sempre a fatica verranno in seguito pagati, maggiorati con oneri e spese varie. Un padre di famiglia, si trova a scegliere se sopravvivere dando priorità alle bollette, luce, acqua, gas, provvedere agli alimenti oppure pagare alla scadenza naturale tasse e tributi. Ma non è moralmente e civilmente accettabile chi sceglie volontariamente di non pagare tasse e tributi avendo la possibilità di farlo. Non è moralmente e civilmente accettabile chi alle dipendenze della Pubblica Amministrazione svolge un secondo lavoro “volontariamente ” in nero, sia esso tipografo o fotografo ( 2 lavori presi a caso). Non è moralmente e civilmente accettabile il professionista che omette di fatturare percependo esosi compensi. L’EVASIONE FISCALE è una forma di furto al bene di tutti, una colpa morale frutto di egoismo e avidità, una negazione di quell’esigenza di solidarietà verso gli altri, specie i più deboli, che deve regolare la società e l’impegno dei singoli. I PUBBLICANI non avendo argomentazioni e validi progetti politici, da SERVI SCIOCCHI del politico di turno, elemosinando prebende e favori personali, colpiscono “ad personam”, cittadini onesti e umili. La loro natura rancorosa, giustizialista e vendicativa, porta lo scontro politico nelle aule dei tribunali. SENZA SUCCESSO !!!! Noi siamo BRAVE PERSONE, le vostre SCHIFEZZE le giudicheranno i Sirignanesi. I PUBBLICANI nell’ultimo esposto inviato alla Prefettura di Avellino hanno intenzionalmente omesso un “compagno di merende” o è finito l’inchiostro nella penna? VERGOGNA !!!!! Ecco che allora TORNANO I CONTI, di una legalità che finisce dove cominciano i propri interessi. Vi ergete altezzosi, convinti di essere investiti di una missione, consacrati al servizio della verità e della giustizia. In realtà, vi crogiolate nel gusto sottilmente perverso di sparlare degli altri e vi guardate bene dall’esaminare con lo stesso rigore la vostra coscienza. “Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio?” (Luca 6,41) IL SINDACO E I CONSIGLIERI DI MAGGIORANZA

adsense – Responsive – Post Articolo