Sirpress: a rischio lo sviluppo della fabbrica. (Comunicato Stampa)

adsense – Responsive Pre Articolo

Nella settimana in cui si giocano le sorti del futuro della  Sirpress la protesta del comitato dei lavoratori dell’ex Almec può mettere a repentaglio la decisione del gruppo Mercedes (in visita alla fabbrica) di affidare alla Sirpress un contratto di fornitura che da solo potrebbe portare l’assunzione di decine di persone .

La Segreteria Provinciale della Fismic di Avellino ha discusso la delicata vicenda, questa mattina presso la sede di Via Circumvallazione con la Rsu Gennaro  Iannaccone e alcuni  attivisti della Sirpress per contribuire a fare chiarezza e per ribadire la propria posizione in vista dell’incontro di lunedì all’Unione Industriali .

Noi , esordisce il Segretario Giuseppe Zaolino  siamo convinti che il futuro della Sirpress passa attraverso il mix  giovani e Over 50 .

Il Segretario della Cgil Fiordellisi si informi meglio prima di fare dichiarazioni pubbliche che sono lontane dalla realtà.

Il problema non lo si affronta mettendo i padri contro i figli come  afferma Fiordellisi, , ma creando i presupposti per  far lavorare tutti.

La Fismic ha lanciato l’idea di un piano Marschall per il lavoro in Alta Irpinia .

Se da sola la Sirpresss non riesce a dare risposte per tutti, allora bisogna allargare le possibilità  d’impiego in altre fabbriche.

E’ compito della politica (quella vicina ai bisogni dei cittadini) assumersi  l’impegno di  ricercare soluzioni e di  non lasciare i cinquantenni per strada e senza ammortizzatori sociali .

Le polemiche di questi giorni sono figlie di un malessere sociale che a nostro giudizio sono giuste e condivisibili.

Quello che è  sbagliato , conclude Zaolino è la forma della protesta ed il momento.

Se i tedeschi in visita alla fabbrica dovessero decidere negativamente avremmo consumato tutti  una frittata irreparabile.

adsense – Responsive – Post Articolo