Sperone. Omaggio a Pio Stefanelli

adsense – Responsive Pre Articolo

di Gianni Amodeo

Hanno condiviso, promosso, organizzato e indetto tante iniziative di ampio respiro e  animazione culturale,  Pio Stefanelli e Pasquale Gaglione, coniugando i quotidiani impegni di lavoro e professionali con l’operoso spirito di volontariato civico, che si esprime al meglio di sé e compiutamente nella gratuità, quale fattore costitutivo della costruzione del Bene comune nell’esercizio della cittadinanza attiva. Una proficua presenza, al cui centro sono sempre state- e restano- le potenzialità di crescita sociale e produttiva del territorio intercomunale della Valle dell’Alto Clanio, in combinazione con la valorizzazione del patrimonio storico-archeologico e paesaggistico di Avella/Abella guardando, neanche ad evidenziarlo, con occhio speciale la natia Sperone.

Sperone. Omaggio a Pio Stefanelli Ora Pio se n’è andato, e Pasquale con la schietta sensibilità dell’andar componendo poesie e rime che si ritrova da eccellente cultore dell’arte e del bello qual è – da leggere la variegata e ricca silloge, pubblicata nel 2013 ed intitolata, “La giostra dei versi tra la memoria e lamiaTerra”, a cui si affiancano i  testi teatrali ancora inediti e custoditi in cassetto- si ritrova con Lui in ideale e franco colloquio, valicando l’ardua erta del vivere e del reale trasfigurati e trasposti nell’Al di .

E’ la corrispondenza di pensieri e sentimenti – commossa e sincera, con l’anima resa nuda da quel desiderio di conciliarsi con il vero di sé e del mondo, incalzando e senza ammettere infingimenti e mistificazioni proprio al giungere della sera- che trasvola tra Sperone, Genova, Sperone.  E tra i temi del confidente dialogo, che rinnova le tante conversazioni di Pio e Pasquale in piazza Luigi Lauro o sul piazzale Sant’Elia, spicca quello “delle migliorie per le coscienze”. Sono le “migliorie” da intendere e comprendere in senso traslato, quale impulso progressivo per affermare e attuare la civile e responsabile convivenza nella libertà e nell’uguaglianza. E’ l’impulso evolutivo che promuove l’ umana dignità, tanto cara a Pio che s’infervorava di idealità e sano entusiasmo in tutte le iniziative di caratura sociale da cui era coinvolto e che suscitava, come in tanti  hanno avuto modo di conoscere e ben volere. E tanto cara a Pasquale.

 

SEMPRE DOLCE SARA’ LA SERA

Sempre  dolce sarà la sera

con il luccichio di lumini

tutt’intorno alla tua eterna dimora.

O Pio, amico mio.

E sempre il mio ricordo di te

valicherà il reale

fino a raggiungerti nell’Al di .

Allora parleremo

del più e del meno,

delle migliorie per le coscienze

dell’amore per i tuoi cari

del vissuto in paese

del calar le palpebre

nella città di Genova

            con la brezza marina

ad accarezzarti il volto e le mani.

 

 

La mappa poetante

Luoghi reali \  Eterna dimoraCimitero, PaeseSperone, Genova e il suo mare.

Luogo idealizzato \  L’ Al di , varcando la soglia della vita terrena.

La natura \  Il mare della Città della Lanterna, il mare e la vita, la brezza e la  

fugace leggerezza  dell’esistenza.

adsense – Responsive – Post Articolo