Sull’autostrada di Napoli 14 positivi al covid-19 su 60 test effettuati.

adsense – Responsive Pre Articolo

Come preannunciato, allo scattare della fase 2 dell’emergenza sanitaria da Coronavirus è cominciato l’esodo dalle regioni del Nord dei cittadini campani.

Come misure preventive per tali spostamenti dalle zone settentrionali sono stati predisposti dei controlli come quelli alla barriera autostradale di Napoli, presso una postazione gestita da un medico dell’Asl di Caserta, che secondo la trasmissione Tagadà di La7, avrebbe individuato ben 14 positivi al covid-19, tramite i test rapidi (quindi meno affidabili dei tamponi), su 60 controlli effettuati.

“Se i dati fossero confermati si tratterebbe di una cifra allarmante, ci si troverebbe di fronte a comportamenti scellerati e criminali di persone che tentano “clandestinamente” di entrare in Campania pur sapendo di essere positivi creando così un grosso pericolo per tutta la cittadinanza. Bisogna assolutamente intensificare i controlli sulle autostrade dove si concentrano la maggior parte delle persone che vogliono sfuggire ai controlli, occorre proteggere i cittadini e tutti gli sforzi sino ad ora compiuti, si rischia di mandare tutto a monte e di generare un disastro. Chiediamo a tutti i cittadini campani residenti nelle regioni settentrionali di comportarsi con responsabilità, di venire al Sud solo se strettamente necessario, di rispettare i protocolli di sicurezza e di mettersi in quarantena una volta arrivati in Campania.”- ha dichiarato il Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.

adsense – Responsive – Post Articolo