Tiramisù, il dolce italiano per eccellenza Ricetta e presentazione del dolce più amato dagli italiani, un gustosissimo mix tra crema, savoiardi e caffè.

adsense – Responsive Pre Articolo

Il tiramisù è un celeberrimo dolce al cucchiaio che si compone di vari strati di biscotti (tipicamente i savoiardi) bagnati nel caffè e inframmezzati da una crema a base di crema mascarpone. È un dolce conosciuto in tutto il mondo, ma l’Italia vanta le sue origini. Tre regioni invece se ne contendono la paternità: Piemonte, Friuli Venezia Giulia e Veneto.

Il tiramisù è sempre presente in tutti i menù dei ristoranti, non manca mai. La sua preparazione è molto semplice e veloce. In genere si impiegano 40 minuti per farcirlo, ma successivamente deve stare a riposo in frigo per almeno 3 ore. È bene, quindi, calcolare i tempi per averlo pronto al momento giusto.

 Ingredienti

Per fare un tiramisù per 6 persone occorrono:

300 g di savoiardi

500 g di mascarpone

300 g di caffè della moka (già preparato e zuccherato a piacere)

4 uova medie

100 g di zucchero

cacao amaro in polvere per coprire la superficie q.b.

 Utensili da cucina:

Fruste elettriche o planetaria

Ciotole

Spatole o cucchiai

Teglia dimensioni 20×20 cm

Colino

Chi non ha in casa una buona frusta elettrica, non deve preoccuparsi. È facile trovare le più adatte alle proprie esigenze, per esempio online su https://cucinareoggi.com dove si possono comparare i migliori modelli.

Invece, la teglia può essere di qualsiasi materiale. Un tiramisù servito su una trasparente è certamente migliore dal punto di vista estetico, perché permette di vedere tutti gli strati di crema al mascarpone prima di tagliarlo.

 La ricetta

Per prima cosa bisogna separare i tuorli dagli albumi e unirli allo zucchero. Montare per bene con le fruste elettriche o una planetaria fino a quando non si ottiene un composto chiaro e spumoso. Dopodiché si aggiunge il mascarpone (che avrete avuto l’accortezza di tirare fuori frigo da qualche minuto così da renderlo più morbido) e si amalgama il tutto.

A parte, in un altro contenitore, gli albumi rimasti devono essere montati a neve ben ferma, quindi uniti ai tuorli montati con lo zucchero, poco alla volta, mescolando delicatamente dal basso verso l’alto per non smontarli.

Sul fondo della teglia o della pirofila si stende il primo strato di crema al mascarpone. Adesso bisogna prendere i savoiardi, inzupparli velocemente nel caffè da ambedue i lati e disporli l’uno accanto all’altro formando il primo strato. L’operazione deve essere svolta rapidamente perché altrimenti il troppo caffè renderebbe troppo molli i biscotti.

Successivamente bisogna ripetere il procedimento come prima. Quindi stendere uno strato di crema al mascarpone per coprire i savoiardi, poi ancora uno strato di biscotti e infine ancora una volta la crema rimasta.

Il dolce adesso è pronto per andare in frigorifero, almeno per tre ore circa.

Prima di servire il tiramisù, spolverizzare con l’aiuto di un colino abbondante cacao amaro su tutta la superficie del dolce. Si consiglia di fare questo passaggio solo al momento di servirlo e non prima. In frigorifero il cacao si potrebbe asciugare e compattarsi con la crema al mascarpone. Per una buona ricetta, il cacao deve essere considerato come uno strato a parte.

 Decorazioni e personalizzazioni

Il tiramisù può essere servito semplicemente in maniera classica oppure essere decorato a piacimento. Se è preparato per un’occasione speciale, allora al centro può essere poggiata una decorazione per torta. Sono piccoli dolcetti di zucchero, di diverse forme, acquistabili nei negozi alimentari specifici per dolci.

Se invece si ha abbastanza manualità e capacità, si può decorare la torta con l’ausilio di un foglio di carta da cucina e zucchero a velo. Per prima cosa bisogna ritagliare il foglio della forma che si desidera: stelline, cuoricini, strisce e chi ne ha più ne metta. Appoggiare gli stencil creati sul tiramisù e spolverizzare sopra dello zucchero a velo. Non bisogna preoccuparsi se lo zucchero a velo cade sopra la carta, basta fare attenzione dopo. Infatti, una volta completato questo passaggio, si dovrà togliere la carta delicatamente. A questo punto il tiramisù sarà bicolore, e sulla superficie si alterneranno le parti chiare dello zucchero e quelle scure del cacao.

 Le varianti

Con il passare del tempo anche la ricetta tradizionale del tiramisù ha subito le sue modifiche. In primo luogo, i savoiardi spesso sono sostituiti dai Pavesini. È possibile fare il tiramisù in altri modi:  senza uova, senza caffè, con la frutta (come fragole o ananas), alla nutella, alla ricotta. Infine, se si vuole rendere speciale un buffet di dolci è meglio non servire il tiramisù in una teglia, ma prepararlo in mini porzioni dentro un bicchiere.

 Vino da abbinare

Anche il tiramisù può essere accompagnato da un buon vino. Non è difficile scegliere, sicuramente va bene un vino dolce o con le bollicine, come l’Albana dolce o il Moscato d’Asti.

adsense – Responsive – Post Articolo