Traffico rifiuti nell’area portuale salernitana: 69 arresti tra Avellino, Caserta e Napoli

adsense – Responsive Pre Articolo

Corruzione, peculato, falso, contrabbando e traffico internazionale di rifiuti. Questi i reati di cui dovranno rispondere 69 persone destinatarie dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Salerno ed eseguita da oltre 250 militari della Guardia di Finanza.

L’operazione riguarda anche le province di Avellino, Caserta e Napoli relativamente a reati commessi nell’area portuale salernitana.

Il provvedimento riguarda funzionari doganali, personale sanitario, spedizionieri, dipendenti di società operanti nel porto di Salerno, indagati a vario titolo, in concorso, per ipotesi di peculato, corruzione, favoreggiamento personale, falso, traffico di influenze illecite, accesso abusivo a sistemi informatici, ricettazione, contrabbando e traffico internazionale di rifiuti.

adsense – Responsive – Post Articolo