Trapani, percorsi d’arte sacra. Sulle orme di San Paolino di Nola, in terra di Sicilia

adsense – Responsive Pre Articolo

di Antonio  Fusco

Oltre alle località segnalate in Sicilia in varie pubblicazioni   riferite al culto di San Paolino, la nostra continua ricerca ci ha consentito di individuare altre località paoliniane. [1] Tra queste figura la Chiesa del Carmine, in quel di Trapani, edificata nel secolo XVI dai Padri Carmelitani secondo stilemi rinascimentali, ma da molti anni chiusa al pubblico e non ancora accessibile.

 La facciata si caratterizza  per l’utilizzo della pietra scura che mette in risalto sulle bianche pareti il portale con timpano spezzato e sovrapposta edicola, quattro lesene corinzie due per lato, le modanature marcapiano e piccole cornici cieche di forma  ovale. Gli stessi stilemi si ripetono nelle fiancate esterne laterali. Più volte rinnovato fino all’Ottocento per adeguarlo al cambiamento dei gusti estetici (barocco, neoclassicismo) l’interno si struttura in un’unica navata  con ampio cappellone absidale, delimitato da un’elaborata cancellata, nel quale  è collocato il fastoso altare maggiore, sormontato da una tribuna sostenuta da quattro colonne di marmo bianchissimo, che accoglie  la Statua di Maria Santissima del Carmelo col Bambino in braccio.

La terza cappella a sinistra della navata accoglie un dipinto con la Madonna di Trapani con la raffigurazione di due Santi,  opera del pittore Domenico la Bruna, ( Trapani 24 febbraio 1699 – Trapani 19 giugno 1763), uno  dei pittori più noti del tardobarocco siciliano, attivo soprattutto nelle province di Trapani e Palermo. Nel panorama degli artisti della penisola subisce il fascino e le contaminazioni di pittori del calibro di Corrado Giaquinto, Salvator Rosa, Luca Giordano, Francesco Solimena. .

 Il quadro  raffigura in alto la Vergine circondata da figure angeliche oranti; in basso a sinistra S. Angelo martire carmelitano e a destra San Paolino. Il Santo nolano è raffigurato inginocchiato su un cuscino, in abito sacerdotale con tonaca ed ampio mantello,  mentre rivolge in alto verso l’immagine della Vergine lo sguardo  in espressione di devota   venerazione.

[1] Cfr.. il volume “Il culto di San Paolino di Nola in Sicilia”, lipolitrografia “Capriglione”, Nola 2004 in cui segnalammo Palermo ed altre quattordici località in cui è presente la devozione   S. Paolino. – Cfr. Caltanissetta – C‘era una volta la chiesa di San Paolino di Nola (Bassairpinia.it  27/02/ 2018 – Il Cazziblog 09 / 03 / 2018),. Cfr. S. Paolino di Nola a Carini , (l’Impegno”, anno XXVIII, n. 3, maggio – giugno 2008. Cfr. Restaurata in Sicilia una statua di S. Paolino (il  Caziblog 23 , 09, 2020 –   Bassa Irpinia news 26, 07, 2020).

Trapani, percorsi d’arte sacra. Sulle orme di San Paolino di Nola, in terra di Sicilia
Chiesa del Carmine
Trapani, percorsi d’arte sacra. Sulle orme di San Paolino di Nola, in terra di Sicilia
Quadro raffigurante S. Paolino a destra

adsense – Responsive – Post Articolo