TUFINO. Torna la paura per gli automobilisti, autovelox mobile in azione sulla Statale 7 bis? VIDEO

adsense – Responsive Pre Articolo

L’installazione della postazione mobile di autovelox sul territorio di Schiava di Tufino sta suscitando notevoli proteste da parte degli automobilisti che hanno visto comparire sulla statale 7 bis il tanto temuto autovelox. Molti si ricorderanno quello di Comiziano, in quel caso fisso, non più in funzione attualmente, che in passato ha mietuto migliaia e migliaia di automobilisti che ogni giorno percorrono la Statale 7 Bis in entrambe le direzioni, Nola-Avellino e viceversa. Ebbene dopo qualche anno ecco ricomparire sulla statale l’occhio malefico che molto incide sulle tasche degli automobilisti. In particolare in quello mobile che da alcuni giorni compare sulla Nazionale delle Puglie in dotazione ai Vigili Urbani,  la rabbia degli automobilisti sta nella mancanza totale di cartelli che indicano la presenza della postazione mobile di controllo della velocità (come si evince dal video inviatoci da un lettore).

A tale proposito richiamiamo la circolare del 7 agosto 2017 del Ministero dell’Interno, in attuazione del Decreto Ministeriale 282, stabilisce infatti che gli autovelox mobili dovranno essere segnalati ben due volte, sia dai cartelli di avviso della polizia che dalle indicazioni fisse già presenti sulla strada. In caso contrario, la multa comminata all’automobilista potrà essere annullata. Vediamo allora nel dettaglio  quali sono i nuovi obblighi da rispettare. La circolare del 7 agosto, dunque, ha confermato quanto previsto dal Decreto Ministeriale: gli autovelox non fissi, quelli utilizzati direttamente dagli agenti della Polizia, devono essere sempre segnalati da appositi cartelli di preavviso chiari e ben visibili da tutti. Si tratta, ed è questa una delle novità principali, dei segnali temporanei poggiati semplicemente a terra dagli agenti: nel caso in cui siano già presenti sulla strada dei cartelli di segnaletica fissi, i segnali temporanei andranno in ogni caso utilizzati. Diventa obbligatoria, dunque, una doppia segnalazione. E non solo: allo scopo di evitare brusche frenate o incidenti, anche gli agenti in divisa dovranno essere ben visibili. Si tratta di obblighi veri e propri per le Forze dell’ordine, che non potranno essere presi sottogamba: per gli agenti che non rispetteranno le nuove misure si potrà aprire l’indagine di abuso d’ufficio. Ottime notizie, invece, per gli automobilisti: le multe per autovelox mobile fatte senza segnalazione prescritta dalla legge  potranno essere considerate nulle.

adsense – Responsive – Post Articolo