US Avellino. Braglia: “Firmerei per il pareggio a Terni, complimenti alla Ternana”.

adsense – Responsive Pre Articolo

di Lucio Ianniciello

L’Avellino tra due giorni affronterà la capolista Ternana al “Liberati”, umbri pronti a festeggiare la matematica promozione in Serie B in caso di pari con i lupi. Braglia in conferenza pre gara: “Hanno fatto un campionato eccezionale, hanno battuto ogni record. Mai un problema per loro, un cedimento. Complimenti a Lucarelli, nel gruppo non c’è stata nessuna lamentela. È stato gestito alla grande, con tutti i punti di vantaggio che hanno su di noi non si può che fare i complimenti. Non è facile primeggiare, al di là dei problemi capitati alle altre. Noi abbiamo avuto più casi di Covid, mica pochi. Mi avrebbe fatto piacere affrontare la Ternana al completo. Incontrare certe squadre fa crescere i ragazzi, all’andata abbiamo perso al 90′ ma tratto conclusioni sulla nostra forza. Dobbiamo consolidare la nostra posizione in classifica”.

Positivi al Covid e diffidati: “Sui positivi non so, per quanto riguarda i diffidati non siamo nelle condizioni di poter tenere fermo l’uno o l’altro. Ora stiamo facendo fatica”.

Come si affronterà una corazzata come la Ternana: “Firmerei per un pareggio. Dobbiamo fare una grande partita, la loro qualità non la scopro certo io. Abbiamo fatto benissimo nel girone di ritorno e in quello  d’andata prima che arrivasse il Covid. Questo è un campionato particolare, la Ternana ha dimostrato la sua forza in tutte le sue componenti. Ha ruotato, dimostrato coesione. Evidente anche il fattore offensivo con i gol di Partipilo, Falletti, giocatori che non c’entrano niente con la C”.

Sull’attacco avellinese: “Su Maniero c’era la possibilità che venisse qui, il direttore me lo ha detto e siamo contenti di lui. Aveva bisogno di una squadra che lo volesse bene. Con lui non solo carota, se capisse quello che si gioca ci darebbe una grossa mano. Santaniello ha un difetto: se gli dici che deve giocare a sinistra tutta la gara, mezz’ora la fa a destra. Fella è forte, l’anno scorso fu capocannoniere. È buono, generoso, come già vi ho detto soffre un poco il turnover. Anche Bernardotto è bravo, ora però non lo abbiamo”.

La fine della regular season slitterà per il recupero delle gare: “Toglieranno l’infrasettimanale, noi a Catania potevamo anche non giocare. Comunque giusto che si recuperino le partite e poi ognuno si gioca i play off e i play out”.

La costruzione di questo Avellino secondo mister Braglia: “La Ternana come qualità tecnica è la più forte. Noi siamo costruiti per primeggiare in C, Di Somma ha scelto bene uomini e giocatori, poi purtroppo c’è stata una serie di problemi. Siamo una squadra tosta quando tutti sono a disposizione, duri a morire. Ciò avevamo in mente, non c’è rammarico. Comunque ha vinto la squadra più forte”.

Assicura sul fatto che l’Avellino avrà fame a Terni e darà il massimo, contro un avversario che da Bisceglie è rientrato in Umbria festeggiante.

I calci di rigore ultimamente non stanno mancando ai lupi, poi Braglia aggiunge qualcosa sull’ambiente irpino: “Ora si dice che l’Avellino ha tanti rigori a favore, vuol dire che in area ci entriamo. Nessun regalo per noi, degli altri non me ne frega. Ad Avellino parlano tutti dell’Avellino, io guardo in casa mia. Una volta ho parlato del Catanzaro ed è uscito un articolo in cui c’era scritto che mi lamentavo. Gli altri parlano sempre di noi, non succede il contrario”.

Il Covid: “È da un anno che siamo in bolla. Così non si risolve niente, devono vaccinarci tutti. Non si vive più, non è possibile che si debba aver paura di incontrarsi o abbracciarsi. Non si sopporta più il fatto di dover star chiusi dentro”.

Parole su Agostino Rizzo: “Può fare bene il quinto o il terzo, deve capire i meccanismi. È un 99, ora inizia a conoscersi. Ha fatto 3 partite, poi si è fermato. L’ho fatto sempre entrare, a Catania è stato il migliore, ha fatto bene contro la Virtus Francavilla”.

Conclude battendo sulla meritocrazia: “Coloro che vanno in campo a Terni, se vogliono giocare contro il Bari devono fare bene. Io giudico la prestazione, se non mi convince cambio. Le prossime due partite sono da play off. Bisogna prepararsi bene per essere all’altezza”.

 

adsense – Responsive – Post Articolo