Vallo Lauro – Baianese. LETTERA APERTA DEGLI OPERATORI DEI SERVIZI SOCIALI DELL’AMBITO A6

adsense – Responsive Pre Articolo

Nell’anno 2000 la Legge 328 ha istituito gli ambiti territoriali per organizzare le politiche sociali a livello locale e che con i fondi nazionali e regionali sono chiamati a pianificare e programmare i servizi sociali di raggruppamenti di comuni al fine di garantire assistenza alle categorie sociali più fragili, quali anziani, portatori di handicap, minori, famiglie in disagio socio-economico.

A distanza di venti anni dalla Legge 328 i servizi sociali vengono garantiti ancora attraverso una forma associativa “precaria” ed onerosa per l’Ente capofila che giuridicamente rappresenta l’Ambito territoriale e ne assume le connesse responsabilità amministrativo – contabili. Tale situazione perdura nell’Ambito A6 Vallo di Lauro – Baianese e le difficoltà che ne derivano non vengono ancora prese nella giusta considerazione da parte dei rappresentanti dei 13 Comuni.

Alla fine di un faticoso e difficile percorso amministrativo di confronti e coordinamenti, istituzionali nel mese di novembre 2019 è stato sottoscritto l’atto costitutivo del Consorzio A6, con l’impegno dei Comuni costituiti di attivare tempestivamente la gestione dei Servizi Sociali Territoriali. A due anni di distanza dalla costituzione, nonostante le sollecitazioni scritte e verbali da parte del coordinatore p.t., nonostante le convocazioni formali dei Sindaci da parte del Presidente p.t. dell’Ambito non è stata ancora formalmente costituita l’Assemblea né nominati gli organi di governo del Consorzio.

La predetta situazione di stallo, assenza ed inerzia da parte dei Sindaci dei 13 Comuni rischia di compromettere seriamente la continuità nell’erogazione dei servizi alle fasce deboli della popolazione dell’Ambito. Di fatto la mancata attivazione della gestione consortile non consente di definire gli assetti gestionali del Consorzio, a partire da dotazione organica e piano del fabbisogno del personale. La struttura organizzativa da oltre 10 anni è tenuta in piedi grazie ai vari contratti a tempo determinato stipulati con il Comune capofila ed all’attribuzione del ruolo di Direttore/coordinatore al Segretario del Comune di Mugnano del Cardinale. I predetti contratti sono in scadenza il prossimo mese di gennaio 2021 e per legge non possono essere prorogati. Il Segretario comunale coordinatore ha più volte manifestato formalmente l’impossibilità oggettiva ad assolvere ancora a tale funzione, atteso il ruolo istituzionale che ricopre…Ancora tutto tace…

L’imminente scadenza dei contratti, già ribadita formalmente ed informalmente in più sedi ai Sindaci dei 13 Comuni, porterà alla inevitabile interruzione dei servizi sociali attualmente in essere nei comuni del Vallo Lauro – Baianese e di conseguenza non potranno essere garantiti i livelli essenziali di assistenza di cui tanto si parla in particolar modo in questo periodo di emergenza socio-sanitaria che sta investendo il nostro territorio.

L’Assenza del potere decisionale ed i ritardi nella definizione degli organi direttivi e gestionali del Consorzio stanno altresì compromettendo anche la presentazione della programmazione dei servizi del Piano di Zona per la I annualità del IV Piano Sociale Regionale entro il 15 novembre 2020.

Appare doveroso, pertanto, portare a conoscenza dell’utenza il concreto rischio di sospensione dei seguenti servizi qualora i Sindaci continueranno ad essere “immobili” rispetto alla indifferibile ed urgente necessità di definire l’organigramma del Consorzio:

Sportello di segretariato sociale per garantire l’informazione e l’accompagnamento dei cittadini ai servi sociali territoriali

Servizio sociale professionale (presa in carico da parte degli assistenti sociali delle famiglie multiproblematiche del territorio, rapporti con Autorità giudiziaria, presa in carico beneficiari del Reddito di cittadinanza)

Ufficio di Piano che programma, monitora e rendiconta tutte le attività finanziate con fondi nazionali, regionali, europei, autorizza, accredita e vigila sui servizi residenziali e semiresidenziali per anziani, disabili e minori, integrazione socio-sanitaria

Servizio di Assistenza domiciliare in favore delle persone anziani e disabili

Erogazione del contributo “Assegni di cura” in favore di malati in condizioni gravi e gravissime.

Progetto Intese Territoriali per l’Inclusione Attiva (ITIA) che prevede l’attivazione di centri territoriali per l’inclusione attiva delle persone svantaggiate e tirocini formativi

Tirocini formativi rivolti a donne vittime di violenza

Sportello antiviolenza

Centro polifunzionale per persone con disabilità

Integrazione scolastica rivolta agli alunni con disabilità

Sostegno alla genitorialità ed educativa domiciliare

“Dopo di noi” e Vita indipendente” progetti di assistenza rivolti ai disabili gravissimi privi di sostegno familiare.

Gli operatori chiedono pubblicamente al Presidente p.t dell’Assemblea consortile di convocare un tavolo per la definizione, nella stessa seduta, di tutti gli Organi Direttivi del Consorzio al fine di scongiurare l’interruzione dei servizi sociali e non perdere i fondi assegnati al nostro ambito per la prossima annualità.

Mugnano del C.le​​​​​​Gli Operatori dell’Ambito territoriale A6

12/11/2020

adsense – Responsive – Post Articolo