VISCIANO. Con la passione di Cristo vivente la comunità locale rievoca il mistero della croce

adsense – Responsive Pre Articolo

Anche quest’anno l’associazione Battenti ha organizzato la Sacra rappresentazione della Passione. Oltre 150 figuranti hanno rievocato le fasi evangeliche dell’Ultima Cena, condanna e Crocifissione di Gesù con scene ricostruite nei dettagli in più parti del Paese. Si inizia con l’Ultima Cena e lavanda dei piedi in piazzetta D’Elia con i 12 apostoli e il tradimento di Giuda Iscariota rappresentata nel giardino della Casa paterna di Padre Arturo. Il Sinedrio di Caifa è stato raffigurato in piazzetta Sacramento e più precisamente al Monumento ai Caduti. Il Pretorio di onzio Pilato e Flagellazione sul Piazzale Municipio. Nel corso del tragitto è stata rievocata la scena della rinnegazione di Pietro e le tre cadute, tre all’incontro di Gesù con sua Madre, la Veronica, il Cireneo e le donne di Gerusalemme. Al piazzale del Campanile la Crocifissione e la morte di Gesù con i due ladroni. I commenti liturgici sono stati curati da Padre Nelson Mendez dei MDR. Per la fattiva collaborazione si ringrazia il Comando di Polizia Municipale e il Gruppo Comunale di Protezione Civile, la Stazione Carabinieri di Visciano. per il servizio prestato al Santuario e Palco del Campanile si sono prodigati gli operatori dell’ATAPC, PROTEZIONE CIVILE REGIONALE. Nicola Valeri

adsense – Responsive – Post Articolo