VISCIANO E LA PICCOLA OPERA CELEBRANO LA FESTA DI COMPLEANNO DI PADRE ARTURO.

adsense – Responsive Pre Articolo

Con la concelebrazione eucaristica nel Santuario della Madonna CONSOLATRICE del CARPINELLO presieduta da MONS. ALFONSO PISCIOTTA, Vicario Episcopale della diocesi di Nola la Comunità di VISCIANO e della Piccola Opera, missionari, suore ed ex Allievi della Divina Redenzione CELEBRANO il giorno della nascita (8 Agosto 1914) di PADRE ARTURO D’ONOFRIO, SERVO DI DIO, PADRE DEGLI ORFANI e fondatore delle due congregazioni; Missionari e Piccole APOSTOLE della Redenzione. Opera fondata a Visciono nella sua casa paterna nel Natale 1943. Negli anni ’70 va in America Latina e in Colombia, GUATEMALE, El Salvador fonda alcune case per l’accoglienza dei gamines e seminari per la formazione religiosa dei giovani. Negli anni Padre Arturo va in India (Kerala) e in Messico, sempre in America Latina. Il Padre degli Orfani a creato a VISCIANO, accanto al Santuario della Madonna del CARPINELLO la cosiddetta Culla dell’Opera con il VILLAGGIO DEL FANCIULLO, considerata anche la Casa Madre dell’Opera dove negli anni migliaia di ragazzi orfani e abbandonati sono stati accolte dalle suore coordinate da MADRE ANNA VITIELLO, cofondatore dell’Opera. Padre Arturo fondò anche la congregazione dei padri missionari della Divina Redenzione di cui ricordiamo le figure di Padre Nicola Ariano, Padre Mario Foglia (attuale parroco di Visciano) don Vincenzo Gallo (primo parroco dell’Opera) Don Livio Pulita (missionario e attuale rettore del santuario) Don Vito Terrin, primo successore alla guida dei Missionari della Divina Redenzione, don Egidio PITTIGLIO, attuale Superiore generale. Nicola Valeri

adsense – Responsive – Post Articolo