BAIANO. Lettera di una giovane universitaria baianese al PD mandamentale

adsense – Responsive Pre Articolo

A Silvana Acierno, al PD del baianese ho letto tutto il vademecum inviato ai tesserati e ai simpatizzanti del partito; l’ho trovato estremamente interessante e stimolante. Personalmente però ritengo che, avendo l’iniziativa soprattutto l’intenzione di coinvolgere i giovani, sia stata evitata la tematica orami dibattuta da giorni anche da parecchie celebrità. La respinta proposta di legge Zan, che semplicemente offriva maggiori tutele a coloro che in questo momento rappresentano secondo me una classe fragile della società, ovvero omosessuali, transessuali e disabili. Essendoci stati numerosi episodi ,pubblici e non, di assalti e violenze a queste persone, motivati solo dall’odio omofobo e immotivato, avrei personalmente preferito introdurre nel dibattito anche queste problematiche. Inoltre il ddl contro l’omotransfobia è stato proposto proprio da un membro del PD, il relatore Alessandro Zan, per questo credevo che sarebbe stato sicuramente ribadita la posizione del partito a riguardo.
Il permettere ai giovani di sentirsi accettati e tutelati è la chiave per avere il loro sostegno politico, per questo invece di parlare di questioni affrontate e riaffrontate da tempo (territorio, divario nord-sud, il digitale…), bisognerebbe dare nuova immagine all’organizzazione, dimostrando di evolversi con i tempi e di essere al passo con gli ideali e i bisogni della società odierna. Ovviamente non mi aspetto una voce unanime che innalzi a bandiera i diritti degli omosessuali perchè purtroppo ancora non si è così evoluti, ma anche solo parlarne e dimostrare che è un argomento che conta e va discusso, sarebbe stato un bel passo avanti per portare parecchi giovani dalla vostra parte.
Florinda Arvonio

adsense – Responsive – Post Articolo