AVELLA. Torna in libertà uno degli arrestati dell’ “Operazione Ariete”

adsense – Responsive Pre Articolo

Fu condannato  con Giudizio Abbreviato a sette anni di reclusione, pena poi ridotta in appello a 6, N.P. 50 anni, che nel 2017 fu arresto dai Carabinieri nel blitz denominato “Operazione “Ariete”.

Fu arrestato per essere l’ideatore della rapina alla gioielleria “Fiore” di Sperone nl 2012. Sull’uomo, difeso dall’avvocato Antonio Falconieri gravavano anche le lesioni gravissime generate nei confronti di un passante nei pressi della gioielleria attinto con un colpo d’arma da fuoco. Insieme a lui furono arrestati anche altre componenti della banda.

L’uomo fu anche accusato ma assolto dal reato di due rapine commesse ai danni di due uffici  postali e quello degli incendi delle autovetture di un dipendente del Comune di Avella e di un assessore.

L’uomo dopo circa 4 anni di reclusione è stato scarcerato questa mattina. Il Tribunale di Sorveglianza di Napoli ha infatti accolto la richiesta dell’avvocato Antonio Falconieri e  il 50enne avellano  ha potuto fare ritorno a casa.

adsense – Responsive – Post Articolo