Capi di bestiame diretti al macello: 50enne denunciato dai carabinieri forestali per maltrattamenti di animali e ricettazione.

adsense – Responsive Pre Articolo

I Carabinieri della Stazione Forestale di Volturara Irpina hanno deferito in stato di libertà un 50enne di Gesualdo (AV), ritenuto responsabile dei reati di Ricettazione e Maltrattamento di animali.

L’attività, è stata condotta unitamente ai colleghi del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (N.I.P.A.A.F.) del Gruppo Forestale di Avellino.

I militari accertavano che il predetto trasportava con un autocarro 40 capi di ovini e caprini, provenienti da tre diversi allevamenti (due della provincia di Salerno ed uno dell’alta Irpinia) e diretti ad un macello di Sperone, in condizioni non compatibili con la loro natura nonché causa di gravi sofferenze, anche in forma di lesioni, sia per l’eccessiva densità di carico sia per il tempo di permanenza sul mezzo di trasporto.

Nel corso delle verifiche emergeva altresì che svariati capi non erano correttamente identificati: alcuni di essi recavano addirittura un identico marchio di identificazione.

Alla luce delle evidenze emerse, a carico del 50enne, oltre alla sanzione amministrativa per un importi di 5mila euro, è scattata la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino e, in collaborazione con il Servizio Veterinario dell’A.S.L. di Avellino, si procedeva al sequestro sanitario degli trasportati animali.

adsense – Responsive – Post Articolo