Controlli da parte dei carabinieri del Gruppo Forestale di Avellino.

adsense – Responsive Pre Articolo

Prosegue l’azione dei Carabinieri del Gruppo Forestale di Avellino, costantemente impiegati in servizi di controllo del territorio finalizzati a garantire sicurezza e rispetto della legalità.

In particolare:

  • i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (N.I.P.A.A.F.) di Avellino, all’esito di controlli eseguiti congiuntamente ai colleghi della Stazione Forestale di Volturara Irpina e a personale dell’ASL di Avellino e dell’UOPC di Ariano Irpino e Sant’Angelo dei Lombardi, hanno eseguito un sequestro amministrativo di prodotti fitosanitari e deferito alla Procura della Repubblica di Benevento il titolare di un’azienda di Ariano Irpino che, a seguito del controllo dell’esercizio commerciale e nei depositi attigui ad esso, deteneva per la vendita, in assenza delle previste autorizzazioni/registrazioni, prodotti fitosanitari per uso professionale.

All’esito dell’attività i Carabinieri procedevano al sequestro di 325 confezioni di prodotti fitosanitari per uso professionale, che se utilizzati avrebbero potuto provocare gravi danni agli operatori, alla salute pubblica e all’ambiente.

Il titolare dell’azienda veniva altresì deferito per deposito incontrollato di rifiuti pericolosi, poiché deteneva prodotti fitosanitari abbondantemente scaduti per i quali era previsto l’obbligo dello smaltimento entro un anno dalla scadenza;

  • i Carabinieri della Stazione Forestale di Avellino, a seguito attività di controllo inerente alla prevenzione e repressione dei reati nel settore ambientale a tutela del patrimonio forestale, hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino un 60enne, ritenuto responsabile di Distruzione o deturpazione di bellezze naturali.

Nello specifico il predetto, in qualità di materiale esecutore e conduttore dei fondi privati interessati dall’estirpazione del bosco, ubicati in agro del Comune di Chianche all’interno di un’area sottoposta a vincolo idrogeologico, aveva proceduto a lavori di movimento terra con conseguente estirpazione di preesistente bosco di rovere e cerro, per una superficie complessiva di oltre 6700 metri quadrati, in assenza di autorizzazione.

adsense – Responsive – Post Articolo