OTTAVIANO. Sequestrati a San Giuseppe Vesuviano, in un “bazar” gestito da cittadini cinesi, oltre 1 milione di articoli contraffatti

adsense – Responsive Pre Articolo

 Nel quadro della costante attività di prevenzione e repressione al fenomeno della contraffazione, che danneggia il mercato e mina la sana e leale concorrenza tra operatori del mercato e minaccia la salute dei consumatori, finanzieri del comando provinciale della guardia di finanza di Napoli hanno sottoposto a sequestro oltre 1 milione di articoli in parte contraffatti ed in parte privi della marchiatura “Ce” in quanto sprovvisti degli standard di sicurezza previsti.

In particolare, i militari della compagnia di Ottaviano, a seguito di autonoma attività info-investigativa, individuavano una società, dislocata su una struttura di circa 2.000 mq, all’interno della quale venivano commercializzati utensili per la casa, materiale cosmetico, giocattoli, vestiti e articoli di carnevale, tutti non conformi alle normative di settore.

L’attività consentiva di rinvenire e sequestrare, tra gli altri, 68.753 giocattoli, 96.176 articoli per cosmesi e 852.477 prodotti per ferramenta. Tra gli articoli vi erano anche 14 mila vestiti e maschere di carnevale contraffatti e pericolosi, riproducenti personaggi cari ai bambini e oggetti sacri quali statuine di san pio e crocefissi elettrici non rispondenti alle normative di sicurezza dell’unione europea.

Senza l’intervento dei finanzieri, la predetta merce contraffatta e non sicura sarebbe stata a breve immessa nel circuito commerciale in danno dei consumatori. La titolare dell’impresa, una cittadina cinese, veniva denunciata per i reati di contraffazione, frode in commercio e vendita di prodotti con segni mendaci.

adsense – Responsive – Post Articolo