“Insieme per…ADMO”. Si è svolto l’evento, promosso dall’ADMO Campania in collaborazione con i Distretti Rotaract 2100 e 2080

adsense – Responsive Pre Articolo

Complice anche l’isolamento domestico, si assiste ad un incremento dei casi di stanchezza psicologica e disinteresse, che rende l’uomo sempre più incline al “menefreghismo sociale”, ovvero ad un atteggiamento di completa indifferenza nei confronti delle situazioni emotive altrui. Protagonisti indiscussi dell’era digitale, i giovani, sono sempre più coinvolti in questo processo di distanziamento sociale, e molti psicologi, trovano nei social una spiegazione a questo fenomeno.

È bene ricordare, tuttavia, che i Social Network come ogni altro “strumento” non sono di per sé buoni o cattivi, ma vanno interpretati in base all’utilizzo che ne viene fatto. Attraverso l’utilizzo di questi ultimi come mezzo di diffusione di appelli, gli stessi ragazzi, sono stati in grado di avviare processi di coinvolgimento di massa che hanno spesso dato esisti molto positivi: compiendo così opere di bene e di grande senso civico.

Grazie proprio ai social e alle piattaforme di comunicazione, i giovani soci del Distretto Rotaract 2100, hanno provveduto alla diffusione dell’appello di Fabio, tramite #ForzaFabio, e all’organizzazione di webinar informativi gratuiti sulla donazione di cellule staminali ematopoietiche.

I Rotaract Club Reggio Calabria Sud “Parallelo 38”, Corigliano Rossano “Sybaris” e Cassino, nella serata del 16 Aprile hanno ospitato il webinar “Insieme per…ADMO”. L’evento, promosso dall’ADMO Campania in collaborazione con i Distretti Rotaract 2100 e 2080 ha visto come relatori: Michele Franco, Presidente ADMO Campania – Antonio De Rosa, Reclutatore Midollo Osseo ADMO Campania e Delegato Distrettuale “Rotaractiani fino al Midollo” – Massimo Martino, Direttore del Centro Trapianti Midollo Osseo Ospedale Metropolitano Reggio Calabria – Isidoro D’Auria e Aurora La Torre, testimoni per la donazione midollo osseo.

Il giorno 17 Aprile ad Angri si è svolta una giornata di tipizzazione, promossa dall’ADMO Campania in collaborazione con l’AVIS Angri, a cui si sono presentati circa 280 potenziali donatori. La cultura della donazione ha raggiunto grazie ai social e ai suoi buoni utilizzi, una maggiore quantità di persone che hanno contribuito a dare speranze a chi, in un letto di Ospedale non ne ha più.

La giornata del 17 Aprile non è però un punto d’arrivo, l’Associazione ADMO Campania continua la propria missione, organizzando ulteriori giornate dedicate alla formazione e tipizzazione di nuovi potenziali donatori. Il giorno 25 Aprile si terrà, infatti, presso l’Ospedale “Villa Malta” di Sarno, un’ulteriore giornata all’insegna della donazione e della solidarietà. I volontari ADMO e AVIS Sarno accoglieranno i donatori sin dalle prime ore del mattino, la giornata si terrà, infatti a partire delle ore 7:30 fino alle ore 12:00.

 Miriam Petraglia

adsense – Responsive – Post Articolo