PET EDUCATION: anche in Italia , gli animali a servizio dei bisognosi.

adsense – Responsive Pre Articolo

Non solo le forze dell’ordine, ma anche gli asili, le strutture riabilitative, gli hospice, le ludoteche, la cultura della “pet education” e della “pet terapy “ ormai sembra sempre più diffusa anche nel nostro paese.
Dai genitori, che spesso decidono di adottare un cucciolo per educare i figli alla responsabilità ed al rispetto, agli asili, dove usano gli animali a scopo educativo. Anche le strutture di riabilitazione, come quelle che ospitano disabili, spesso uniscono le tradizionali terapie con quelle utilizzando gli animali.
Anche per i malati terminali, per i quali purtroppo le cure non hanno più alcuna funzione, la vicinanza a piccoli animali domestici, ed il fatto di prendersene cura, risulterebbe benefico per i pazienti.
Anche per coloro che non hanno l’utilizzo della parola, della vista o dell’udito, la pet terapy registra grandiosi successi, in quanto la sensibilità degli animali tende a farli adeguare e trovano insieme comunque un modo di comunicare.

Carla Carro

adsense – Responsive – Post Articolo