SPERONE. Seconda edizione di Diorami di Pasqua. Video

adsense – Responsive Pre Articolo

Tutti conosciamo fin da bambini il presepe classico, quello che si fa a Natale. Rappresenta la Natività di Gesù, con pastori, contadini, venditori di vettovaglie, suonatori, animali. E al centro, naturalmente, la capanna, o la grotta, con la Madonna, San Giuseppe e il piccolo Gesù nella mangiatoia, scaldato dal fiato caldo del bue e dell’asino. In occasione dell’ormai prossima festa della Domenica delle Palme, a Sperone, presso il Piazz.le sant’Elia, Antonino Napolitano, per il secondo anno consecutivo farà prendere vita al presepe pasquale.
Un’iniziativa a cui prenderà parte anche il Parroco del comune del mandamento baianese, Don Reinaldo Arino Plata.
Sedici diorami che rappresentano Vita, Passione, Morte e Resurrezione di Gesù. Il percorso inizia con il Battesimo di Gesù, l’entrata a Gerusalemme, l’Ultima Cena, la lavanda dei piedi, il giardino del Getsemani, il giudizio di Pilato, la flagellazione, l’incoronazione di Spine, la condanna a Morte, l’Incontro con la Veronica, la Morte di Giuda, la Crocifissione, la Pietà, il sepolcro pieno, sepolcro vuoto e infine la Resurrezione. Il presepe pasquale si distingue dalle sacre rappresentazioni che siamo abituati a vedere durante la Settimana Santa perchè è rappresentato da personaggi statici, mentre nelle sacre rappresentazioni si cerca di far partecipare attivamente le persone, cosa impossibile a causa delle restrizioni di quest’anno. Una forma di devozione, un modo per prepararsi alla Pasqua durante la Quaresima. Passando per il Piazzale sant’Elia, rimarrete stupiti!
Buona visione!!!!

adsense – Responsive – Post Articolo