Confederazione italiana agricoltori, l’arianese Masuccio nuovo presidente

adsense – Responsive Pre Articolo

L’elezione è avvenuta oggi all’unanimità presso l’Hotel De La Ville durante i lavori per il rinnovo dei vertici provinciali della CIA ai quali hanno partecipato 90 delegati provenienti delle sedi territoriali della provincia di Avellino. “Ringrazio i delegati che mi hanno eletto ed il presidente uscente Antonio Mango per l’ottimo lavoro svolto – dichiara Michele Masuccio -. Confermo l’impegno per la valorizzazione dell’agricoltura del nostro territorio. Mi auguro la massima sinergia con gli enti e le altre organizzazioni sindacali per migliorare la qualità dei nostri prodotti e le condizioni di vita dei nostri agricoltori. Il mio impegno sarà incentrato principalmente sulla programmazione dei fondi europei 2015-2020 e sulla salvaguardia ambientale che sta molto a cuore anche alla CIA. Mi auguro di riuscire a sostenere l’impegno di sempre più imprenditori nel campo agricolo e di maggiori risorse nel campo del marketing. L’obiettivo è portare i nostri prodotti di eccellenza nel mondo per risollevare le sorti del comparto agricolo ma anche per promuovere il  nostro territorio che ha molte potenzialità inespresse nel campo del turismo enogastronomico”. Quarantasei anni, Michele Masuccio, imprenditore agricolo e agrotecnico, vanta una lunga esperienza nel campo agricolo. Da sempre attivista per i diritti degli agricoltori è stato presidente della CIA di Ariano Irpino; è presidente del Consorzio di Tutela Dop “Irpinia Colline dell’Ufita/Ravece”, del Consorzio PIF Olio e degli “Amici della Ravece”,  nonché dell’Associazione Nazionale Oli Monovarietali. Da quest’anno gli organismi dirigenti della CIA sono espressi esclusivamente dal mondo agricolo, contrariamente a quanto avveniva in passato.

adsense – Responsive – Post Articolo