ROCCARAINOLA. Don Vincenzo Ragone invita alla preghiera in favore del concittadino colpito dal Coronavirus

adsense – Responsive Pre Articolo

Il parrocco di Roccarainola don Vincenzo Ragone appresa la notizia del nuovo contagio verificatosi in paese invita i suoi concittadini ad unirsi in preghiera. Ecco il testo della lettera.

Carissimi,
dopo aver appreso la notizia che un nostro concittadino è risultato positivo al tampone per il Covid 19, siamo tutti in apprensione. Invito tutti noi ad elevare preghiere per Lello (Raffaele Antonio Miele), per i medici, gli infermieri e il personale sanitario: possano sentire la nostra vicinanza e il nostro affetto e Dio doni loro forza in questo momento difficile. La nostra preghiera va anche alla famiglia di Lello, perché non si lasci scoraggiare dalla paura. Per caso Lello ha scoperto di essere un soggetto asintomatico e con grande senso di responsabilità sta vivendo queste ore. È vero da poco siamo entrati nella Fase 2 di questa pandemia: questa fase 2 consiste nel riuscire a tornare a svolgere alcune attività convivendo con il Covid-19 ancora presente. L’obiettivo è evitare il suo diffondersi attraverso contagi dovuti alla mancanza di quelle precauzioni che ci hanno raccomandato in questi mesi. Scampare al rischio di tornare alla Fase 1 e quindi di dover rinchiuderci in casa dipende dunque dai nostri comportamenti. Invito tutti all’osservanza delle regole: usiamo sempre la mascherina, igienizziamoci le mani, non creiamo assembramenti. È vero ci siamo stufati di stare a casa, ma non stufiamoci mai di salvaguardare la nostra vita e la vita di chi ci sta accanto anche se per noi è uno sconosciuto. La vita è il più grande dono che Dio chi fatto e noi siamo chiamati nella nostra responsabilità a salvaguardala. Allora nella responsabilità, nella prudenza, nell’intelligenza della vita, conviviamo con questo virus, seguendo le norme che lo Stato e la Chiesa ci hanno dato.
Se Gesù non fosse stato con noi durante questa quarantena, sarebbe stato un vero disastro, ma lo Spirito ci ha accompagnati e ci ha sostenuti, e ci accompagnerà e sosterrà sempre; il Paraclito ci ha dato e ci dà la forza per sperare e perseverare. Come parroco e quindi responsabile della vita delle Comunità cristiana, averto la necessità di salvaguardare la fede e la vita di tutti compresa la loro salute.
In Cristo, Vi saluto e Vi Benedico Don Vincenzo, parroco

adsense – Responsive – Post Articolo