Dal Gruppo Consiliare “Montoro Democratica”, Riceviamo e Pubblichiamo

adsense – Responsive Pre Articolo

“Le acque dei nostri fiumi, almeno a vista d’occhio, si presentano limpide e pulite. Vogliamo augurarci che anche dagli esami dell’ARPAC si presentino senza sostanze contaminanti. Ormai appare evidente che il cunicolo carsico che dalla piana di Celzi raggiunge la sorgente Labso, trasferisce a valle i reflui fognari del Comune di Forino insieme all’acqua piovana, che in enorme quantità, non riesce ad essere contenuta dal sistema fognario comunale. I problemi sono noti, anche perché ben evidenziati, anche in riferimento alle nostre note, da illustri studiosi tecnici della nostra Provincia e valenti conoscitori del problema. Anche le autorità comunali dei due Comuni, Forino e Montoro, hanno manifestato l’intento di procedere con una progettazione comune. In realtà esiste dalla fine degli anni 90 una progettazione che doveva consentire la soluzione del problema, ma riteniamo che stante l’entità e la dimensione dell’intervento, quest’ultimo debba essere studiato all’attualità e ben verificato in concertazione con le autorità che hanno una specifica competenza in materia. Solo in questo modo e senza lasciar solo il Comune in tale impresa, è possibile immaginare di uscire fuori da questo annoso problema che continuerà ad affliggere la popolazione di Celzi ed a penalizzare la piana di Montoro ad ogni intensificazione delle piogge. Alla luce di questa verifica, che con puntualità noi montoresi facciamo sulle nostre acque, riteniamo che la nostra azione di stimolo e di rappresentazione progressiva del problema debba essere concreta e debba mirare ad obiettivi immediati. Certo, quelli possibili. Avere i dati degli esami ARPAC mensilmente sia sulle acque della sorgente Labso che della sorgente Laura; verificare con il Comune di Forino, il Genio Civile e la regione Campania i punti di sforamento del sistema fognario che portano alla confluenza dei reflui nelle acque meteoriche e quindi finiscono nel cunicolo carsico e quindi nella nostra sorgente Labso. Partendo da queste azioni possibili, si può riuscire ad assicurare fiducia ai montoresi che rischiano seri pregiudizi per la fiorente agricoltura, allorquando con le forti precipitazioni atmosferiche giungono dalla piana di Celzi sostanze inquinanti. La natura non ha una dimensione autarchica e non si definisce in uno spazio ristretto di ambito comunale. Il problema si risolve con l’impegno, insieme ai Comuni interessati di Montoro e Forino, della regione Campania, che deve affrontare in maniera organica e definitiva il problema in modo concertato con i rappresentanti del territorio. Intanto con piacere notiamo che le acque si presentano limpide e pulite dopo il deflusso ampio delle acque impregnate di reflui. Noi come movimento politico seguiremo con attenzione l’evolversi della problematica, promuovendo ogni azione utile alla possibile soluzione, con il massimo impegno”.

Il Gruppo Consiliare Montoro Democratica

adsense – Responsive – Post Articolo