Oggi è la giornata della lingua ebraica

adsense – Responsive Pre Articolo

  • REDAZIONE

La lingua ebraica è lei stessa un miracolo di cultura, tradizione e modernità.

Fare un viaggio in Israele significa scoprire la magia di un mondo che riesce a coniugare tradizione con innovazione, antico con moderno, storia con tecnologia. E’ proprio questo il fascino della lingua ebraica che oggi celebriamo.

L’ebraico moderno è il risultato di un sogno. Quello di un uomo, Eliezer Ben Yehuda, che giunse in Eretz Yisrael אֶרֶץ יִשְׂרָאֵל  e, lavorando a Gerusalemme prima come giornalista, cercò in ogni modo di promuovere la rinascita della lingua ebraica che avrebbe identificato ogni “sabra”, צַבָּר, tzabàr in ebraico, termine che indica la persona nata in Israele, senza identità di genere.

L’ebraico è infatti una lingua che viene identificata come lingua “resuscitata”.

Collegata con la  radice ‘-b/v-r che significa “attraversare”,  è la lingua degli antichi ebrei, anche conosciuta come “lashon ha-kodesh” (lingua del sacro), poiché in ebraico è scritto l’Antico Testamento: le oltre 5.000 radici che comprendono l’Ebraico moderno nella sua struttura essenziale, trovano il loro fondamenteo nell’antico ebraico biblico.

E allora Israele si prepara. con ogni probabilità, dalla prossima primavera, ad accogliere amici e turisti, magari sotto il sole  שֶׁמֶשׁ  – shemesh in ebraico – di quella città, Tel Aviv  תל אביב  il cui significato “collina della primavera” rieccheggia vacanza e divertimento che potranno poi forse concretizzarsi in un sabato  שבת – shabbat appunto – estivo, passeggiando lungo il mare   יַמ    yam, gustando un delizioso succo di  רִמּוֹן rimon, melograno o un freschissimo  גלידה glida, gelato appunto.

 

 

adsense – Responsive – Post Articolo