Prima scimmia vaccinata contro il Coronavirus. Mentre molti in Italia attendono di essere vaccinati, negli Stati Uniti anche gli oranghi hanno ricevuto una dose.

adsense – Responsive Pre Articolo

Otto gorilla allo zoo di San Diego sono diventati le prime scimmie a risultare positive al coronavirus. Come gli umani, ora devono mantenere le distanze e sopportare i controlli sanitari. La 28enne orangutan Karen è stata persino vaccinata contro il virus il 26 gennaio, come prima scimmia al mondo. Ha ricevuto due dosi di un vaccino da Zoetis, un’azienda farmaceutica veterinaria con sede nel New Jersey, e non ha mostrato effetti collaterali. Da allora, altri quattro oranghi e cinque bonobo sono stati vaccinati nello zoo. Uno scimpanzé pigmeo e tre gorilla hanno ricevuto la prima vaccinazione a marzo, la seconda in programma ad aprile. L’epidemia di gorilla era correlata a un guardiano dello zoo infetto senza sintomi. Degli otto animali infetti, sette si sono ripresi dopo lievi sintomi di raffreddore, ma un silverback più anziano si è ammalato di polmonite e ha dovuto essere trattato con antibiotici e terapia anticorpale. Circa tre dozzine di zoo negli Stati Uniti e all’estero hanno ordinato il vaccino a Zoetis. Ciò include il parco degli animali a Oakland, in California, che, secondo il veterinario senior Alex Herman, ha ordinato 100 dosi per le sue grandi scimmie. Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha approvato la società farmaceutica su base sperimentale per lo zoo di San Diego. Per poter consegnare il vaccino ad altri parchi zoologici, l’azienda necessita di ulteriori permessi. Secondo gli scienziati, il coronavirus probabilmente ha avuto origine dai pipistrelli e si è poi diffuso agli esseri umani attraverso una specie diversa. Ora molti ricercatori temono che gli esseri umani possano infettare inconsapevolmente altre specie sensibili. “Al momento, gli esseri umani sono i principali fattori di diffusione del Sars-CoV-2, con conseguenze per molte specie animali”, spiega il ricercatore di malattie Arinjay Banerjee della McMaster University in Canada. Le grandi scimmie come i gorilla, il cui DNA è identico al 98% a quello degli umani, sono particolarmente sensibili. Allo stesso modo i gatti. I casi di corona finora confermati tra gli animali includono gorilla, tigri e leoni negli zoo, cani e gatti domestici, visoni negli allevamenti e almeno un visone selvatico nello stato americano dello Utah e uno in Spagna. Esperimenti scientifici hanno dimostrato che anche i furetti, i cani procioni e i cervi dalla coda bianca sono sensibili, ma i maiali e il bestiame no. Questo potrebbe diventare un problema di protezione delle specie, “soprattutto se il virus cominciasse a diffondersi tra una specie animale selvaggia con una popolazione estremamente ridotta, come l’alce dai piedi neri”, spiega Kate Langwig, esperta di malattie infettive presso l’Università della Virginia Tech.

adsense – Responsive – Post Articolo