AVELLA. E’ di nuovo in commercio “Malacqua” di Nicola Pugliese

adsense – Responsive Pre Articolo

AVELLA. E di nuovo in commercio Malacqua di Nicola PuglieseI librofili di Napoli (e non solo) attendevano da anni questa notizia, ed ora  è realtà. E’ di nuovo in commercio “Malacqua” di Nicola Pugliese, giornalista e scrittore milanese, ma vissuto nel capoluogo partenopeo per tutta la vita.  A ripubblicare il romanzo è stato Pironti. Certo, detto così non pare niente di eclatante. In realtà la bellezza delle pagine di Pugliese ha tagliato il fiato a parecchi che, per anni, si sono accostati alle bancarelle e alle librerie antiche dei decumani per scovare una copia del romanzo. La prima (ed unica fino alla prossima primavera) risale al 1977. Fu Einaudi a pubblicare il testo: Calvino, difatti, restò impressionato dall’espressività dell’autore. Il romanzo va a ruba. Il racconto di quattro giorni di pioggia consecutivi annaffia i lettori, li affoga di bellezza e mistero: i chiaroscuri dei luoghi risalgono dal fango e si radicano negli occhi. Napoli, Napoli. C’è solo Napoli nella mente e tra le mani. La lingua, sinuosa e cadenzata, rincorre un mistero noto a stento a chi ci vive in quella città. Pugliese conquista tutti, ammalia il pubblico, ma scappa. Proprio quando la gente avrebbe voluto bere le sue parole, lui si ritira a vita privata ad Avella. Nel 2008 esce “La nave nera” (Compagnia dei trovatori). Tuttavia c’è chi recrimina la mancata ripubblicazione del primo lavoro. Oggi che Pugliese non c’è più (ci ha lasciati l’anno scorso), Tullio Pironti compirà il miracolo letterario. Con un comunicato stampa il fortunato editore ha dichiarato che Pugliese, prima di morire, ha scritto che doveva essere proprio Pironti a ripubblicare il romanzo. AVELLA. E di nuovo in commercio Malacqua di Nicola PuglieseCosì Armando Pugliese, fratello dello scrittore, ha contattato l’editore e gli ha parlato. Raggiunto via email, Pironti ha commentato per noi questo progetto editoriale: “È per me motivo di vanto e soddisfazione poter annoverare questo titolo nel mio catalogo. Confesso che ancora oggi mi domando come sia stato possibile, come sia accaduto che Nicola Pugliese abbia chiesto a suo fratello Armando e a sua figlia Alessandra di affidarmi la riedizione del suo splendido romanzo, rifiutando grandi editori che volevano ristampare la sua opera. Quale mistero si lega a questa sua decisione? È un mese ormai che continuo a pensarci. Posso provare ad azzardare una mia ipotesi a riguardo, facendo presente tuttavia che è solo una mia idea: “Malacqua”, uscito negli anni Settanta, si esaurì in breve tempo, come è noto. Credo che Nicola, violentando il suo orgoglio, chiese a Einaudi di ristamparlo; ristampa che, come pure è noto, non ci è mai stata. Da qui, posso presumere, la sua delusione verso la grande editoria e la sua decisione di ripubblicare con me”. Marina Bisogno

adsense – Responsive – Post Articolo



Commenta per primo

Lascia un commento