AVELLA.Covid, l’appello di Palmieri: “comportamenti scorretti dovuti a maleducazione e presunzione”

adsense – Responsive Pre Articolo

Riceviamo e pubblichiamo una nota di Pellegrino Palmieri, ex consigliere comunale, che fa appello al senso civico e di responsabilità di tutti i concittadini.

“Il covid circola principalmente in famiglia, è un dato di fatto su cui c’è poco da discutere. I contatti tra parenti, più o meno stretti, sono uno dei maggiori momenti di contagio. Continuiamo a stare attenti, mi rivolgo alla comunità avellana che sta pagando un prezzo altissimo per la scomparsa di tanti amici cari: evitiamo assembramenti ovunque, ma in famiglia, dove le distanze vengono inevitabilmente ridotte, bisogna stare ancora più attenti. Se restiamo vivi, in salute, avremo tempo per recuperare tutto e la gioia sarà maggiore, perché avremo capito, fino in fondo, quanto valiamo gli uni per gli altri; quanto sia importante l’amicizia e come può essere immensamente bello un semplice bicchiere di birra bevuto a un tavolino di un bar con una persona cara. L’amicizia e la libertà sono due elementi imprescindibili, vitali, ma che esistono solo se restiamo in vita. La vita, la salute di tutti, prima di ogni cosa. Meglio un sacrificio oggi, per una festività o una ricorrenza che potremo festeggiare, tutti insieme, quando sarà possibile, anche perché siamo a poche settimane da un vaccino per tutti, che correre il rischio serio di veder scomparire un parente, un amico, un semplice compaesano. Andando in giro per il paese e scorrendo le pagine dei social incappiano, spesso, in esempi di comportamenti scorretti dovuti, principalmente, alla presunzione di essere migliori degli altri, e alla maleducazione, manifestazioni classiche dell’ignoranza. Ma non dobbiamo farci abbindolare mettendo a rischio la sicurezza dell’intera comunità per mano di persone semianalfabete. Agli esempi sbagliati si risponde con la serietà e il rispetto delle leggi, specie quando quelle leggi servono per tutelare le persone più deboli e indifese. Il grado di civiltà di una comunità si misura proprio da come tratta e cura le persone e gli esseri più deboli.”

adsense – Responsive – Post Articolo