AVELLA. Il sindaco Biancardi inasprisce i divieti a causa dell’avanzare del Covid

adsense – Responsive Pre Articolo

Sebbene le misure finora adottate abbiano permesso un controllo efficace dell’infezione sul territorio comunale, l’esame dei dati epidemiologici quotidiani dimostra che persiste una trasmissione diffusa del virus che, quando si verificano condizioni favorevoli, provoca focolai anche di dimensioni rilevanti.

L’evolversi della situazione epidemiologica, il carattere particolarmente diffusivo dell’epidemia e l’incremento dei casi sul territorio nazionale e il crescente numero di casi positivi, riscontrati in particolare in quest’ultimi giorni come da comunicazioni giornaliere trasmesse dal Dipartimento di Prevenzione dell’A.S.L. di Avellino, rende necessario ulteriori azioni per contrastare il diffondersi del virus. Ecco nuovi divieti con l’ordinanza n.10 del 5 marzo 2021.

Il divieto di stazionamento e assembramento nelle piazze e nelle strade cittadine.

Il divieto di recarsi in altra abitazione di un nucleo familiare diverso dal proprio se non per necessità o per motivi di lavoro. 

Il divieto di utilizzo delle aree attrezzate con strutture e giochi per bambini.

È fatto obbligo ai bar, gelaterie, pasticcerie ed esercizi similari la chiusura dell’attività alle ore 18:00.

Restano consentiti, nel rigoroso rispetto delle disposizioni vigenti in materia di prevenzione del contagio da Covid-19, la permanenza negli spazi antistanti i servizi pubblici (uffici comunali, farmacie, Poste Italiane e ambulatori medici) e le attività commerciali per le sole esigenze di fruizione degli stessi.

La mancata osservanza degli obblighi di cui alla presente ordinanza, salvo che il fatto costituisca reato, è punita con le sanzioni di cui all’articolo 2 comma 1 del decreto legge 16 maggio 2020 n. 33 e all’articolo 4, comma 1, del decreto legge 25 marzo 2020 n.19, convertito con modificazioni dalla legge 22 maggio 2020 n. 35.

Salvo quanto disposto nel presente provvedimento restano ferme tutte le misure già adottate con le precedenti Ordinanze Regionali, Sindacali nonché tutte le disposizioni e direttive emanate dalle competenti Autorità Statali per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

adsense – Responsive – Post Articolo