AVELLA. La rottura tra Biancardi e Canonico nel consiglio comunale del 14 ottobre scorso. Ecco in esclusiva il Video

adsense – Responsive Pre Articolo

Non si conoscono ancora ufficialmente le motivazioni della revoca dell’assessore Canonico, ne tanto meno le parti interessati hanno rilasciato dichiarazioni  ai mezzi di stampa, ma possiamo solo ipotizzare quelle che è stata la decisione del sindaco. La revoca dell’assessore Giuseppe Canonico dalla giunta Biancardi ha dei motivi ben chiari, e una data precisa: il 14 ottobre 2013, durante un consiglio comunale.  L’ex assessore era l’unico dell’entourage   ha creare difficoltà alle decisioni del sindaco, o meglio a farsi sentire. Questo è stato il motivo principale, presumiamo, della sua esclusione, adesso tutto è più semplice e gestibile da parte del primo cittadino avellano. La stessa scelta di Conte, e non di un altro tra i suoi consiglieri, alla carica di assessore è la dimostrazione che il sindaco gode tra gli altri membri di maggioranza piena fiducia. Il sindaco nelle sue valutazioni ha deciso cosi: meglio un Conte, che dopo una apparente sfuriata per la sua revoca dalla giunta di circa un hanno fa ha alzato bandiera bianca ed è ritornato sui suoi passi, anzichè un veterano come Canonico, che di politica e di fatti amministrativi ne è ben a conoscenza, avendo un ampia esperienza alle spalle. Per di più lo stesso sindaco grazie a questo cambio in giunta si è anche tenuto per se la delega all’urbanistica, una tra le più importanti e più ambite. La rottura dei rapporti  tra il sindaco Biancardi e Canonico si ebbe ne consiglio comunale del 14 ottobre scorso dove vi fu un violento battibecco tra i due, ecco le immagini.

adsense – Responsive – Post Articolo