LA PAROLA DELLA DOMENICA. ‘’E’ la qualità della fraternità che decide la qualità del rapporto con Dio!’’

adsense – Responsive Pre Articolo

SESTA DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO    – ANNO A
Dal Vangelo secondo Matteo 5,17-37
Nel Vangelo di questa domenica, Gesù ci fa capire, in maniera ancor più approfondita, come dobbiamo fare se vogliamo essere realmente ‘’sale della terra ’’ e ‘’luce del mondo ‘’.
Gesù dice: ‘’Avete inteso che fu detto agli antichi: “Non ucciderai… Ma io vi dico: chiunque si adira con il proprio fratello dovrà essere sottoposto al giudizio ‘’.
Cristo mette a nudo la radice di ogni violenza: l’odio!
L’odio è l’antitesi di Dio, è il contrario esatto di Dio, allontana da Dio. Noi cristiani siamo ‘’sale’’ e ‘’luce’’ del mondo se diventiamo modello di vittoria sull’odio. Gesù aggiunge: ‘’ Se dunque tu presenti la tua offerta all’altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia lì il tuo dono davanti all’altare, va’ prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna a offrire il tuo dono ‘’.
Molti non hanno preso sul serio queste parole! Ogni comunione con Cristo deve accompagnarsi sempre con una comunione con il prossimo! Nel salmo 50 (49) Dio ci consegna questo avvertimento: ‘’ Ti siedi, parli con il tuo fratello, getti fango contro il figlio di tua madre. Hai fatto questo e dovrei tacere? Forse credevi ch’io fossi come te! Ti rimprovero: ti pongo innanzi i tuoi peccati’’.
Quante volte, invece, giudichiamo, gettiamo fango e calunnie e poi abbiamo l’ardire di accostarci al Signore che prima abbiamo calpestato nel fratello!
Ricordiamo sempre: il nostro amore verso il Signore sarà misurato con la stessa misura del nostro amore verso il prossimo. E’ la qualità della fraternità che decide la qualità del rapporto con Dio. Non dimentichiamolo mai!
Buona e santa domenica a tutti.

Don Giuseppe Parisi

adsense – Responsive – Post Articolo