Basket Serie B girone D, 21a giornata. Altra sconfitta nei minuti finali per la Scandone, 66-62 contro la Luiss Roma. De Gennaro: “Rotazioni troppo corte”.

adsense – Responsive Pre Articolo

[responsivevoice_button voice=”Italian Female” buttontext=”Ascolta l’articolo”]

Altra sconfitta per la S.S. Felice Scandone Avellino, che negli ultimi minuti si arrende sul
campo della LUISS Roma con il punteggio di 66-62. Rammaricato coach De Gennaro,
che ha commentato così la sconfitta: «Purtroppo devo analizzare un’altra partita persa nei
minuti finali, nonostante un’ottima prestazione dei miei, che ci hanno messo davvero tanta
carica, tanta energia, tanto cuore, però, a causa delle rotazioni troppo corte di stasera, siamo
arrivati alla fine stanchi e scarichi. Se vogliamo individuare una nota negativa, devo
segnalare gli ultimi minuti del terzo quarto, in cui loro hanno avuto un piccolo break
positivo, che noi poi non abbiamo avuto più la forza di recuperare. Ci abbiamo provato
fino alla fine, ma negli ultimi minuti le gambe erano troppo pesanti e i tiri non riuscivano
a entrare, nonostante le buone percentuali di stasera. Abbiamo tirato col 33% da tre (come
loro, che però hanno più tiratori) e col 44% da due, quindi comunque una buona
percentuale, e anche i rimbalzi totali li abbiamo quasi pareggiati (30-28). Peccato, perché
forse con Marzaioli in più, quindi una rotazione in più tra gli esterni, visto che Ondo
Mengue e Rajacic stasera hanno giocato tantissimo, potevo avere un po’ di lucidità in più
in mezzo al campo, ma pazienza. Dobbiamo pensare ad andare avanti e stare tranquilli.
Ora aspettiamo di ricevere buone notizie dalla FIBA lunedì. La strada è sempre più in
salita, perché il numero di partite da giocare si riduce, però dobbiamo crescere fino alla
fine, perché noi questa squadra vogliamo salvarla a tutti i costi. I ragazzi sono carichi e
convinti, lavorano bene, dobbiamo soltanto continuare su questa strada e sperare di avere un po’ più di rotazioni”.

adsense – Responsive – Post Articolo