ALMANACCO IRPINO. Venerdì 22 maggio 2020

adsense – Responsive Pre Articolo

a cura di Grazia Russo.

22 maggio, venerdì  Santa Rita da Cascia, protettrice di casi disperati e apparentemente impossibili 

Visse molti anni addietro in Irpinia una santona, di nome Mammasanta a cui si rivolgevano i contadini per scongiurare le forze del male, per rendere vane le fatture e per conoscere il futuro.

Mammasanta, una volta, esorcizzò una donna, che ogni notte sognava suo figlio morto a causa di un incidente, il ragazzo le appariva sotto l’aspetto di un cagnolino che gagnolava di dolore. A seguire la strofa utilizzata dalla santona per la sua pratica:

Dio è uno e sopra di lui non c’è nessuno

due sono la luna e il sole,

tre sono i patriarchi: Giuseppe, Giacobbe e Abramo,

quattro gli evangelisti

quattro Vangeli dinanzi a Cristo,

cinque sono le piaghe di Gesù,

sei le chiavi del Paradiso

sette, la grotta di Betlemme

e otto le anime giuste,

nove l’arca di Noè, dieci la decima di Cristo

undici le verginelle e dodici gli apostoli…

tredici, non rispettasti i patti

e tu diavolo, sulla terra schiatti!

 

adsense – Responsive – Post Articolo