Baiano. Il commiato di Vincenzo Moccia, artigiano di gran classe e poeta del buon umore

adsense – Responsive Pre Articolo

di Gianni Amodeo

            Era un artigiano di gran classe, Vincenzo Moccia – scomparso qualche giorno fa-  ben conosciuto nell’area nolana e a Marigliano, per l’eccellenza delle  prestazioni di esperto tecnico che forniva con puntuale e metodica precisione ai clienti automobilisti nel Laboratorio elettromeccanico, di cui era titolare, nella popolosa frazione Miuli. Un amore, quello per il lavoro e per la famiglia e i quattro figli, che Vincenzo condivideva con quello per la poesia dialettale napoletana che conosceva e leggeva con cura nelle opere dei migliori e soprattutto in quelle dei più fedeli interpreti della nobile tradizione partenopea, verseggiando, a sua volta,  e fissando su tante pagine, composizioni briose e venate di sorridente e garbata ironia. E fa da testimonianza diretta, l’antologia “Poesia senza veli ….”, pubblicata da ediaemme, che ha avuto buona diffusione e apprezzabile riconoscimento di pubblico, con la copertina su cui spiccano uno stilizzato Pulcinella e il liberatorio aforisma sempre utile da applicare, per il quale “Il genere umano dispone di una sola arma veramente efficace: la risata”. L’autore è l’insuperabile scrittore americano, Mark Twain, le cui opere  regalano a bizzeffe ficcante umorismo per il proficuo esercizio dell’intelligenza …

Baiano. Il commiato di Vincenzo Moccia, artigiano di gran classe e poeta  del buon umore          Sono autentici bozzetti in versi, una vera e propria goduria per l’intensità espressiva e l’ispirazione che deriva dall’osservazione attenta della vita di tutti i giorni e della gente comune; bozzetti che il poetaartigiano  declamava  e rappresentava in presa diretta, conferendo pregnanza e ricchezza di significato al filo ispiratore dei versi. Un modo recitativo che anima i tanti “Salotti letterari”- da circa un anno sospesi per gli effetti del coronavirus –  che si svolgono nei Circoli sociali e culturali attivi sui territori, nelle piccole come nelle medie e grandi realtà cittadine. Sono “Salotti” animati da amanti del verseggiare, che s’incontrano e si ritrovano con le “Letture” delle loro produzioni per il gusto del bello e lo spirito dell’amicizia; una passione condivisa con il lavoro, l’esercizio delle professioni e dei mestieri a cui si dedicano nella quotidianità.

Baiano. Il commiato di Vincenzo Moccia, artigiano di gran classe e poeta  del buon umore            Le foto che si pubblicano si riferiscono a momenti del “Salotto letterario” svoltosi nell’autunno del 2018  nei locali del Circolo  L’Incontro, in via Luigi Napolitano, promosso e organizzato dalla poetessa Stefania Russo. In primo piano, figura Vincenzo Moccia, mentre si appresta a recitare- ‘ A badante–  una chicca delle tante pregevolezze contenutistiche e di stile che dà il senso della creatività e della schietta genuinità del poetaartigiano, detto anche il “Gigante buono”- si prende in prestito la definizione della dottoressa Anita Capasso, giornalista de Il Mattino– per il buon umore che infondono le sue composizioni, in tutt’uno con la sua imponente altezza. E il suo piacevole conversare in dialetto. Tutta da leggere ‘A badante.

’A BADANTE

VICINO ’O NONNO MIO,Baiano. Il commiato di Vincenzo Moccia, artigiano di gran classe e poeta  del buon umore

ARZILLO E POCO AITANTE,

PECCHÉ É RIMASTO SULO,

Ll’ȂMMO MISE ’A BADANTE.

 

VECCHIA NUN L’HA VULUTA,

DICENNO CA ’A SCHIFAVA;

N’ȂMMO TRUVATO ’A N’ATA,

NEMMENO LL’AGGARBAVA.

 

HA DITTO CA ERA SECCA,

TENEVA PELLE E OSSE,

CAMMENAVA SCIANCHI NATA,

TREMMAVA ’NCOPP’ ’E CCOSCE.

 

FINALMENTE ȂMMO TRUVATO

NA SIGNORA TUTTA MORA;

’O NONNO, COMME LL’HA VISTA,

HA CACCIATO LL’UOCCHIE ’A FORA.

 

STA SIGNORA E’ BELLA TOSTA

E STA BONA CARRUZZATA:

CU ’O PPOCO ’E PIETTO ’A FORA

E ’A GONNA CU ’A SPACCATA.

 

IO LL’AGGIO DITTO: ‘’O NO’,

CHESTA NUN FA PE TE:

TE FA VENI’ LL’INFARTO.

CICRCHE ’E TE CUNTENE’’’.

 

MA ISSO CU ’A RESATELLA,

HA DITTO ’NFACCIO A ME:

‘‘MEGLLIO SOTT’A NA FEMMENA

CA SOTT’ ’O TRAMMUE’.

 

PIRCIÒ, SIENTEME BUONO,

NUN TE NE SPARAGNA’,

’O PIACERE CA DA’ ’A FEMMENA

NUN ’O DDA’ MANCO ’O MAGNA’.

 

MO’, SI VUO’ BENE ’O NONNO,

PUORTEME ’A  PILLOLINA,

CA DOPPO  ’O NONNO TUOJO

TE FA NU REGALINO’’.

 

VUJE MO’ NUN CE CREDITE,

CU ’A PILLOLA E ’A BADANTE,

’O NONNO É RINGIOVANITO

E SPISSO ZOMPA E CANTA.

 

VINCENZO MOCCIA

      

adsense – Responsive – Post Articolo