BASKET SERIE A1, 11a GIORNATA. La Scandone vince col cuore, domata Sassari. Sidigas Avellino – Banco di Sardegna Sassari 86-78.

adsense – Responsive Pre Articolo

BASKET SERIE A1, 11a GIORNATA. La Scandone vince col cuore, domata Sassari. Sidigas Avellino   Banco di Sardegna Sassari 86 78.

di Lucio Ianniciello

Grande dimostrazione della Sidigas, in un momento difficile reagisce da grande squadra e batte con merito Sassari. L’impegno, la forza e il cuore dei ragazzi sono stati più forti di qualsiasi altro problema. Sykes giocoforza ha fatto più minutaggio e ha risposto alla grande (23 punti, 4/5 da tre, 9 assist e 29 di valutazione), a ruota due pilastri come Green e Nichols, anche per quest’ultimo 4/5 da tre. Non si possono dimenticare  gli 8 rimbalzi e i 7 assist di Filloy. Ha vinto il collettivo nonostante ci si è dovuti inchinare a Sassari per quanto riguarda i rimbalzi, 29 a 48, con un Cooley da doppia doppia (15 punti e ben 20 palle intercettate), ma il 54% da tre avellinese ha fatto la differenza, solo 25 per gli uomini di coach Esposito che devono fare il mea culpa pure sulle palle perse, 15 a fronte delle 7 irpine.

Dopo l’addio di Cole, destinazione Podgorica, altra tegole in casa irpina, frattura al piede destro per Ndiaye, che va a rendere critica la situazione lunghi con l’assenza del solito Costello, volato negli Stati Uniti. Sassari non dispone di Petteway, prossimo al taglio. Starting five quasi obbligato per i padroni di casa: Filloy, Sykes, Nichols, Green e Young. Gli avversari sul parquet con il play Smith, la guardia Bamforth, le ali Devecchi e Thomas, il centro Cooley.  La gara viene “stappata” da una tripla di Nichols, poi Sassari si porta sul 3-7, bomba di Thomas e canestri di Smith e Cooley. Proprio Thomas commmette secondo fallo, i liberi di Green e un tiro da tre di Sykes valgono l’8-7. E’ un botta e risposta, De Vecchi e schiacciata di Nichols su palla persa di Sassari. Cooley e Sykes non sbagliano, 16-14. Per i lupi è il momento di Campani e D’Ercole. I sardi fanno registrare un parziale di 0-4. affondo di Smith e schiacciata di Polonara per il 17-18. Avellino non ci sta, chirurgico ai liberi Sykes, schiacciatona di Green e tripla di D’Ercole. Il Banco Sardegna tampona con Smith e Gentile, 24-22 al 10′. Bomba di Filloy, Smith controbatte. Si lotta a rimbalzo. Nichols va a ribadire il +5 Scandone (29-24). Vucinic chiama time out dopo lo 0-5 Sassari, Smith colpisce dai 6,75. Ancora Nichols fa ripartire la Scandone, 5 punti di seguito inframezzati da una bomba di Bamforth. L’altra tripla la piazza Green, ma ci sono difficoltà a fermare il centro Cooley, 5 rimbalzi nel solo primo quarto. L’equilibrio regna sovrano, il canestro di Thomas fa segnare il 37-37. Green fa 2/3 dalla lunetta, la difesa irpina regge ad un attacco sassarese ed Esposito richiama i suoi. Campogrande va a dare man forte, gli ospiti si arenano con la zona avellinese, Green non completa un gioco da tre ma l’allungo c’è stato, 43-37. La Scandone è abile a giocare gli ultimi secondi del quarto, concede due liberi a Polonara, replicati da Filloy, poi Green fa un’ottima difesa su Cooley e ancora l’argentino va a fissare il 47-40 con cui si va all’intervallo lungo.

Si riparte con due arcobaleni di Sykes e Filloy, il primo aveva fatto registrare il massimo vantaggio (+10),  Bamforth però è micidiale con 7 punti di fila, 53-47. Nichols va a canestro e poi arma Sykes, bomba del 58-47. Lo scarto maggiore tra le due squadre si aggiorna. La tripla di Thomas giunge al momento giusto per Sassari che  accorcia (62-56), D’Ercole non aiuta con lo 0/2 ai liberi. Fa meglio Green. Spizzichini fa rifiatare Campani. La gemma da tre di Nichols riporta i lupi sul +11 (67-56), il terzo quarto finisce col +9 Sidigas. Caparbio Pierre, le bombe di Sykes e D’Ercole sono pura tecnica, la Scandone non vuole il fiato sul collo. Pierre dalla lunetta fa 2/2 dopo un tecnico di squadra fischiato ai biancoverdi. Green risponde egregiamente con una tripla. Sassari si avvicina pericolosamente, stoppata di Cooley  su Sykes e difesa irpina perforata, 76-71. Smith commette quinto fallo, esce di scena. Young, dopo una lunga scena muta in attacco, azzecca un importante canestro. Mancano 4′ alla fine, i liberi di Gentile fanno registrare il 78-75. Nichols perde una palla sanguinosa ma poi va da tre facendo esplodere il PalaDelMauro. Green prende rimbalzi difensivi, l’attacco sassarese è domato, Young contribuisce  con un altro canestro costringendo Esposito al time out quando manca 1’23”. Sassari è sotto di 7. Bamforth dalla lunetta riduce lo svantaggio, Young fa 1/2. La palla persa dei sardi e il canestro di Nichols condannano gli isolani, 86-78 il finale.

SIDIGAS AVELLINO – BANCO DI SARDEGNA SASSARI 86-78 (24-22, 22-18, 20-18, 19-20).

Avellino: Young 5, Green 20, Nichols 22, Bianco n.e., Filloy 10, Campani, Sabatino n.e., Campogrande, D’Ercole 6, Sykes 23, Spizzichini. Coach: Vucinic.

Sassari: Spissu, Smith 15, Bamforth 15, Devecchi 3, Magro, Pierre 4, Gentile 8, Thomas 10, Polonara 4, Diop 4, Cooley 15. Coach: Esposito.

Arbitri: Sabetta-Martolini-Borgioni.

adsense – Responsive – Post Articolo