Calcio Serie C, ritorno playoff nazionali primo turno. Lupi qualificati, decisivo un gol di D’Angelo contro il Palermo.

adsense – Responsive Pre Articolo

Avellino-Palermo 1-0

Avellino (3-5-2): Forte; Laezza, Dossena, Illanes; Ciancio, Carriero, Aloi, D’Angelo (43′ st Adamo), Tito; Maniero (43′ st Santaniello), Fella (46′ st Bernardotto). A disp.: Pane, Leoni, Rizzo, M. Silvestri, De Francesco, Errico, Rocchi, L. Silvestri. All. Braglia.

Palermo (3-4-1-2): Pelagotti; Marong (13′ st Saraniti), Lancini (43′ st Doda), Marconi; Accardi, Luperini, De Rose, Valente; Santana (13′ st Silipo), Floriano, Kanoute (36′ st Almici). A disp.: Fallani, Corrado, Palazzi, Crivello, Martin, Peretti, Odjer, Broh.  All. Filippi.

Arbitro: Zufferli di Udine.

Assistenti: Lattanzi di Milano e Basile di Chieti. Quarto uomo: D’Ascanio di Ancona.

Note: ammoniti Fella, Aloi, Marconi; recupero p.t. 0′, s.t. 5′.

Rete: 34′ pt D’Angelo

di Lucio Ianniciello

I lupi passano al prossimo turno battendo 1-0 il Palermo dopo la sconfitta con lo stesso risultato al “Renzo  Barbera”, decisivo il gol del palermitano D’Angelo al 34′. Ripresa in cui il Palermo si è reso più pericoloso ma il team di Braglia ha tenuto duro meritando nel complesso. Domenica di nuovo in campo.

Avellino con la stessa formazione di Palermo, Baraye squalificato, in panca il terzo portiere Leoni. Come in terra siciliana tra le riserve, ma infortunato, Luigi Silvestri, squalificato Miceli. Palermo con Accardi esterno destro, confermato il 3-4-1-2. Luperini ritorna a centrocampo rimpiazzando rispetto alla gara d’andata Broh, in attacco Floriano e non Saraniti. Un minutio di silenzio per commemorare la morte di Tarcisio Burgnich, gara cominciata con 7′ di ritardo. L’Avellino ci prova dopo 3′ con una conclusione di Fella, deviata in angolo. Irpini entrati bene in campo, al 7′ contatto sospetto in area palermitana tra Valente e D’Angelo ma l’arbitro lascia correre. Al 10′ i rosanero rispondono con un tiro di Kanoute respinto da Forte. Al 17′ il portiere avellinese deve uscire dalla propria area per sventare di piede un pallone su cui si stava fiondando Kanoute. Il team di casa cerca di sviluppare trame, gli ospiti fanno muro prediligendo le ripartenze. Al 26′ sulla punizione di Aloi dal limite dell’area c’è la parata di Pelagotti. Al 34′ lupi in vantaggio, Carriero recupera una palla preziosa, Maniero sfonda sulla destra saltando Lancini e Marconi e mettendo in mezzo all’area dove D’Angelo insacca implacabilmente con Accardi dormiente. Importante aver sbloccato la gara, biancoverdi con due ammoniti: Fella per gioco pericoloso e Aloi dopo avere atterrato un De Rose in proiezione offensiva. Si va al riposo.

Nemmeno 1′ della ripresa, dai 20 metri  ci prova Kanoute, Forte fuori posizione e la palla va a sbattere sulla parte alta della traversa. La partita diventa poco spettacolarte nei 10′ a seguire, Filippi fa un doppio cammbio: Silipo per Santana e Saraniti per Marong. Al 61′ pericolosissimo il Palermo, Silipo innesca Valente che si gira e tira in area, Forte è strepitoso di piede a opporsi. Rosanero più offensivi, ancora Valente al 70′ dopo un rimpallo tira alto. I lupi si difendono, il tema tattico è cambiato. Al 76′ un fortunoso rimpallo di D’Angelo favorisce Fella che, in ottima posizione, allarga troppo il diagonale. L’Avellino si ridesta, fa abbassare un pò il Palermo che ricorre al cambio Kanoute-Almici. Le prime sostituzioni di Braglia all’88’, Santaniello per Maniero e Adamo per D’Angelo, poi Bernardotto per Fella. Sono 5 i minuti di recupero. Non succede più niente, Avellino qualificato. Scattano i caroselli in città.Calcio Serie C, ritorno playoff nazionali primo turno. Lupi qualificati, decisivo un gol di DAngelo contro il Palermo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

adsense – Responsive – Post Articolo