Camposano. Il vicesindaco Siciliano si dimette, ma arrivano i ristori

adsense – Responsive Pre Articolo

Non c’è pace per il redivivo sindaco di Camposano Francesco Barbato.
Ieri il suo vicesindaco il dottor Giuseppe Siciliano si è dimesso. Una mossa che era nell’aria, non solo per le tante frizioni che si sono create tra i due soprattutto durante la fase finale dell’amministrazione a guida Barbato fino allo scioglimento del consiglio, ma anche per ì rumors che vedono Siciliano uno dei papabili candidati a sindaco in contrapposizione a quella che sarà la lista del sindaco uscente Francesco Barbato.
Un segnale di distanza che quindi aggiunge un ennesimo indizio.
Intanto Barbato, nella giornata di ieri ha riunito la sua giunta per deliberare dei ristori alle attività commerciali del paese che hanno subìto un calo di fatturato causato dalla pandemia. Una cosa che era già in programma ma che non aveva fatto in tempo a portare a termine prima che i consiglieri di minoranza si dimettessero sancendo la fine (o almeno così credevano) dell’amministrazione Barbato.
A breve si terrà il consiglio comunale per surrogare i consiglieri e rifare le commissioni ma soprattutto per discutere il primo atto del prossimo bilancio comunale. In questo caso, Barbato, avrà una risicata maggioranza perché saranno 4 consiglieri più il sindaco (5) contro quattro di minoranza che siederanno in consiglio grazie appunto alla surroga.
Se dovesse arrivare un’ennesimo mal di pancia tra le fila della maggioranza, questa volta calerebbe sul serio il sipario su questa travagliata esperienza di governo.
Un finale però non scontato. D’altronde Barbato è maestro di imprevedibilità ma teoricamente, il 26 settembre ci saranno le elezioni ed il paese e i cittadini sono estremamente confusi dopo quanto accaduto.
Infatti, le dimissioni dei consiglieri di minoranza portarono a Camposano un commissario che in periodo di pandemia i cittadini accettarono a denti stretti. Un gesto che però alla fine ha portato gli stessi dimissionari a rimanere esclusi dal consiglio dopo il colpo di scena del ricorso vinto dall’Onorevole Barbato che, con caparbietà, ha avuto ragione dallo stesso Consiglio di Stato.
Ci dobbiamo aspettare ancora qualcosa?
Non è dato saperlo. A Camposano, da un po’ di tempo, tutto è possibile…

Felice Sorrentino

adsense – Responsive – Post Articolo