Forino (Av): DAD si, DAD no. Riapertura Si, riapertura no. Questo è il dilemma

adsense – Responsive Pre Articolo

Questa Pandemia sta mettendo a dura prova tutti i settori sociali. Tra questi anche il mondo scolastico che dall’inizio dell’emergenza, ovvero dallo scorso marzo 2020, sta attraversando un periodo alquanto turbolento. Viene prima il diritto alla Salute o il Diritto allo studio? Due principi cardine della nostra Costituzione che da un anno e più a questa parte, stanno trascinando in vere crisi politici, amministratori locali e regionali posti nel limbo di tentare di salvaguardare entrambi i diritti. Tutto questo ancora continua a distanza di tempo e lo è ora a pochi mesi dalla chiusura estiva di questo anno scolastico 2021. Difatti non poche polemiche ha convogliato su di se la decisione da parte del Governo Draghi di riaprire le scuole anche in cosiddetta “zona rossa”. Al momento non esprimiamo giudizi, ma il dubbio ci viene. Scusate, ma con la riapertura delle scuole non si corre il rischio di riattivare un processo pandemico ancora in atto e pesantemente? Basteranno i vaccini ai docenti? Ed i bambini, riusciranno a sopportare per 5 ore consecutive la mascherina di protezione? Ma che Zona Rossa é questa? Tante, tantissime domande, interrogativi che i genitori si e ci pongono e noi li poniamo! In verità, diversi Comuni Irpini come Serino, Montemiletto, Avella, Solofra, Montoro, Lauro, ed altri 12 ancora hanno adottato una linea attendista prolungando la chiusura scuola fin dopo il 20 aprile, altri come Avellino e lo stesso Forino hanno deciso per il rientro. In questi casi diremo, chi è stato più lungimirante? Non lo possiamo dire, vedremo cosa accadrà. Daniele Biondi

adsense – Responsive – Post Articolo