FORINO: “L’irresponsabilità ha prevalso su tutto e tutti”, così l’ ex Sindaco Antonio Olivieri rilancia la Sua Candidatura a Primo Cittadino.

adsense – Responsive Pre Articolo

“Un silenzio assordante, pesante e incomprensibile si è abbattuto su Forino che, da oltre un mese, è senza un’Amministrazione. Come ormai è ben noto, nella giornata di mercoledì 12 maggio 2021, sette consiglieri comunali, i quattro rappresentanti della minoranza: Lorenzo D’Argenio, Rossella Ercolino, Gina De Angelis e Umberto Rubinaccio e tre consiglieri comunali eletti in maggioranza: Erica Chiara Capriati, Federico Perna e Luigi Lanzetta, con due distinti e separati atti notarili, ma dal medesimo contenuto, redatti a Nola ed ad Ancona, hanno rassegnato, insieme e contestualmente, le dimissioni dalle cariche amministrative ricoperte con il fine esplicitato di ottenere, così, lo scioglimento del Consiglio Comunale e la conseguente caduta dell’Amministrazione guidata dal Sindaco Olivieri. È doveroso colmare questo silenzio e rispondere dell’immobilismo amministrativo che il nostro paese si trova e si troverà ad affrontare.
I Cittadini di Forino pretendevano risposte, che responsabili di un tale forte gesto avrebbero dovuto esplicitare ma che non hanno avuto il coraggio di dare. Evidentemente, non è stato nulla più di un atto egoistico dove l’interesse generale e della collettività è stato totalmente messo da parte dinanzi a personalismi e condizionamenti. L’irresponsabilità ha prevalso su tutto e tutti.
Da coloro che dovevano dar conto di quanto fatto, per il rispetto doveroso che si deve sempre ai Cittadini, neanche una parola è stata pronunciata, segno eloquente della considerazione data alla gente: nessuna. Una ferita, questa, che difficilmente si sanerà; una macchia nera che, per sempre, rimarrà. Si è completamente abbandonata una comunità a se stessa, in un periodo così delicato e fortemente condizionato dalla pandemia da COVID-19. Mai si dimenticherà quanto fatto. Modi, tempi, circostanze: niente ha avuto un senso logico. I Cittadini forinesi non meritavano un tale trattamento e, ancora di più, non meritavano l’indifferenza a cui sono stati relegati da soggetti che non hanno neanche avuto il coraggio di dare alla Cittadinanza delle spiegazioni e delle motivazioni a siffatte scellerate azioni; soggetti che non hanno avuto il coraggio di presentare le dimissioni personalmente ma solo attraverso una persona terza appositamente delegata; soggetti che non hanno avuto il coraggio di affrontare un dibattito e una discussione nella sede opportuna quale è quella del Consiglio Comunale. Si riempiono, poi, la bocca con le parole “politica” e “politici”. Stendiamo un velo pietoso su quanto fatto. Se fare politica ed essere politici si fa in questo modo siamo fieri di essere semplici Cittadini al servizio della Comunità. Il loro comportamento dice tutto: dimostra e conferma l’importanza, ovvero nessuna, che loro davano all’amministrare.
L’Amministrazione Olivieri è stata sfiduciata, ma ad essere tradita è stata l’intera Comunità: nessun motivo giustifica un tale tradimento. Di fronte a tale ingiustificato gesto è nostra intenzione ripartire e mettere in campo un progetto civico al servizio esclusivo dei Cittadini per proseguire un’esperienza di governo conclusasi anticipatamente non per volontà del popolo; per riprendere un discorso interrotto a metà, per garantire governabilità nell’interesse generale e non di pochi. Ci prefissiamo di riunire le energie positive locali intorno a obiettivi condivisi e generali, puntando a proseguire il rilancio di Forino per una complessiva crescita sociale, economica, civile e culturale della Comunità. Si lavorerà alacremente per raggiungere gli obiettivi prefissati e per allestire una compagine coesa e credibile che sappia portare avanti gli impegni programmatici assunti. Il progetto che si andrà a mettere in campo valorizzerà le esperienze di cittadinanza attiva maturate in questi anni nel nostro Comune.
Non possiamo disperdere quanto fatto. Forino non lo merita. Forino non merita di essere rappresentata da certi personaggi. Noi ci siamo e ci saremo se riavremo la fiducia di quanti abbiamo avuto l’onore di rappresentare.”  Antonio Olivieri

 

adsense – Responsive – Post Articolo