ON. FOGLIA A FLUMERI LAMENTA RITARDI NELLA PROGRAMMAZIONE REGIONALE PER SVILUPPO RURALE

adsense – Responsive Pre Articolo

ON. FOGLIA A FLUMERI LAMENTA RITARDI NELLA PROGRAMMAZIONE REGIONALE PER SVILUPPO RURALEL’on. Pietro Foglia, presidente della Commissione Agricoltura del Consiglio regionale della Campania, ha partecipato alla seconda edizione di “IncontrArmando”, l’evento annuale organizzato dalla De Matteis Agroalimentare presso il proprio stabilimento di Flumeri (AV), per incontrare tutti gli agricoltori della filiera “Armando”.  Intervenendo al dibattito per la presentazione del nuovo contratto di filiera 2013/2014, il presidente Foglia, ha detto: “L’auspicio è che il piano d’investimenti trovi sollecita attuazione vista l’importanza dei risultati attesi sia in termini di valorizzazione della produzione cerealicola Campana, sia in chiave di sviluppo territoriale. In tal senso, in sede di audizione alla fine di luglio, la Autorità di Gestione del PSR ha assicurato la tempestiva decretazione degli impegni finanziari a carico della Regione, tanto più che se così non fosse apriremmo ragionevolmente il viatico al  disimpegno automatico delle risorse da parte della UE”.  La recente Riforma dello Sviluppo Rurale offre nuove opportunità  – ha ancora detto Foglia  – più efficaci e rispondenti alle vocazioni dei territori attraverso  le priorità, in sostituzione degli Assi del nuovo PSR che dovrà avere maggiore coerenza con le altre politiche della UE. Pertanto la natura sperimentale dei PIRAP e dei PIF, che avevano previsto la integrazione con il FESR ed il FSE, diviene una regola tassativa della nuova programmazione. Al riguardo – ha poi rimarcato – sono ancora una volta costretto a registrare il ritardo al nastro di partenza per la nuova programmazione a favore dello sviluppo rurale in sede regionale. E’ mia intenzione nei prossimi lavori della Commissione Agricoltura prevedere un’apposita audizione dell’Assessore e dell’ AdG per sapere cosa si sta facendo e come cooperare stante le competenze in materia di programmazione regionale del Consiglio”. Foglia ha voluto ricordare il suo impegno per fronteggiare l’accertato e persistente consumo di suolo visto che la problematica investe la stessa tutela delle superfici agricole vocate alla cerealicoltura e alla limitazione dei processi di desertificazione anche in relazione al dibattito che interessa l’area del Formicoso.  “Ho fermamente voluto in qualità di Presidente della Commissione Agricoltura accelerare l’approvazione della LR n 10 del 3 agosto 2013 riguardante la valorizzazione dei suoli pubblici a vocazione agricola per contenerne il consumo e favorirne l’accesso ai giovani” ha aggiunto Foglia, riservando, in chiusura, una considerazione sulle prossime semine: “Nel complesso le prossime semine possono aprirsi con una certa fiducia per la coltura del grano duro, confidando in un andamento climatico più favorevole. I fenomeni climatici estremi, comunque, non sono più un’eccezione e non devono vedere l’agricoltore con un atteggiamento passivo: a tale scopo il primo strumento è l’assicurazione del raccolto soprattutto nelle nuove formule di assicurazione pluri-rischio giustificata anche dal contributo comunitario che copre il 65% del costo dell’assicurazione che garantisce la stabilizzazione del reddito a fronte della frequenza delle avversità atmosferiche. Altro strumento indispensabile è l’attenta tecnica colturale che consente di gestire ed affrontare le avversità atmosferiche. Ad esempio l’ultima campagna agraria ha evidenziato l’importanza delle sistemazioni idraulico-agrarie per gestire l’eccesso d’acqua” .

adsense – Responsive – Post Articolo