Sconfitta azzurra a Marassi. Genoa due tiri due goal. Gattuso contestato dai tifosi

adsense – Responsive Pre Articolo

Napoli: Ospina, Di Lorenzo, Manolas (68′ Rrahmani), Maksimovic, Mario Rui, Demme (79′ Bakayoko), Elmas, Politano, Zielinski (54′ Insigne), Lozano, Petagna (54′ Osimhen). A disp.Meret, Contini, Hysaj, Lobotka, Cioffi. All.Gennaro Gattuso

Genoa: Perin, Goldaniga, Radovanovic, Criscito, Zappacosta, Zajc (88′ Rovella), Badelj, Strootman (68′ Behrami), Czyborra, Pandev (68′ Scamacca), Destro (78′ POrtanova). All. Davide Ballardini

Arbitro: Manganiello di Pinerolo
Marcatori: 11′ Pandev, 27′ Pandev, 79′ M. Politano
Note: ammoniti Badelj, Czyborra, Lozano, Mario Rui

Il Genoa batte il Napoli per 2-1 in una partita impietosa che lascia rammarico e amarezza agli azzurri. A Marassi il Napoli produce gioco, crea almeno il triplo delle occasioni gol dell’avversario, colpisce due pali e al 90esimo ha anche la palla per conquistare un pareggio che, onestamente, nel computo della analisi del match sarebbe stato legittimo. Il Genoa è di una concretezza da guinnes sfruttando in meno di mezzora due palle gol che Pandev, con maestria, trasforma in oro. In mezzo però c’è la traversa di Petagna che avrebbe portato il risultato in equilibrio. Poi la ripresa ardimentosa e impetuosa degli azzurri che schiacciano il Grifo nell’area, segnano con Politano e stringono il Genoa nel fortino nell’ultimo quarto d’ora. Al 93′ Elmas nel cuore dell’area gira alto il pallone del possibile pareggio. Poi Mario Rui va giù in area su contatto con Scamacca ma l’arbitro lascia correre. Nulla. Vince il Genoa. E’ la dura legge del gol, ma anche un vento di sventura per il Napoli che reagisce, è vivo e mostra tutto l’impeto dell’orgoglio azzurro. Intanto i tifosi chiedono la testa dell’allenatore.

adsense – Responsive – Post Articolo