Sicurezza stradale. Forzata la struttura dell’autovelox. De Lieto (LI.SI.PO.), lo spauracchio “autovelox” non basta.

adsense – Responsive Pre Articolo

Un episodio non comune, si è verificato sul tratto relativo allo  svincolo  autostradale  di  Montoro (Avellino)  dove ignoti avrebbero forzato la  struttura dell’autovelox  collocata su quel tratto di strada, rubando la telecamera  situata all’interno della  colonnina  e dato fuoco alla struttura.  Un automobilista in transito, vista la scena, contattava i Vigili del Fuoco che, poco dopo erano sul posto per l’intervento del caso. Il Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.), ha dichiarato il Presidente Nazionale, Antonio de Lieto, nel deplorare l’inqualificabile atto di vandalismo, rileva che il problema della sicurezza stradale non può  risolversi nella collocazione di uno o più autovelox su tratti stradali o autostradali, a denso traffico, ma deve passare attraverso interventi di ripristino del manto stradale  e di altri interventi concreti che   garantiscano la piena sicurezza di tratti viari, con interventi di costante manutenzione  di ogni struttura o parte di  essa, comunque interessata  alla sicurezza di quanti transitano sulle nostre strade ed autostrade. In sintesi – ha sottolineato de Lieto  –  il concetto stesso di “sicurezza”, non deve passare attraverso il semplice ”fare cassa”, ma  deve riguardare la cultura dell’efficienza, delle costanti iniziative, tesi a garantire, anche con assidui   controlli   l’effettiva sicurezza dei percorsi. Non è certamente l’autovelox in quanto tale, garanzia  esclusiva di sicurezza, ma tale strumento, va usato – ha concluso de Lieto – in un quadro complessivo di iniziative  che  attuate in maniera sinergica,  possa veramente essere garanzia di effettiva sicurezza, per quanti transitano per la strade ed autostrade, del nostro Paese.

adsense – Responsive – Post Articolo