Barolo 2016: Michele Chiarlo, vini all’insegna della sostenibilità “VIVA”

adsense – Responsive Pre Articolo

La cantina Michele Chiarlo vinifica dal 1956 l’essenza del Piemonte, amando e valorizzando il più incredibile territorio vitivinicolo al mondo, e oggi è orgogliosa di presentare l’annata 2016 dei suoi Barolo, tutti certificati VIVA Sustainable Wines.

Barolo 2016: Michele Chiarlo, vini all’insegna della sostenibilità “VIVA”E’ una grande annata quella che presenteremo sul mercato nelle prossime settimane – racconta Stefano Chiarlo, enologo e titolare insieme al padre Michele e al fratello Alberto –. Un millesimo, caratterizzato da una rara complessità e da un notevole potenziale d’invecchiamento, che stupirà per la sua eleganza. Un’annata a cui la mia famiglia è particolarmente legata perché dal 2016 tutti i nostri cru sono stati certificati VIVA Sustainable Wine”.

Barolo 2016: Michele Chiarlo, vini all’insegna della sostenibilità “VIVA”VIVA è un progetto per la sostenibilità della vitivinicultura che raggruppa alcune delle cantine più importanti d’Italia. Michele Chiarlo, a partire dal 2011, è stata tra le prime cantine ad aderire al programma, già nella fase pilota.

Obiettivo di VIVA è quello di monitorare e valutare l’intera filiera produttiva, al fine di individuare e sviluppare strumenti per un modello di cantina a basso impatto, non solo in termini di pratiche agricole, ma di contesto produttivo globale, territoriale e comunitario.

Barolo 2016: Michele Chiarlo, vini all’insegna della sostenibilità “VIVA”Tre sono le etichette “VIVA” che nascono dai vigneti storici di Cerequio e Cannubi e che interpretano in modo impeccabile la filosofia produttiva di Michele, Alberto e Stefano:

  • Barolo Tortoniano
  • Barolo Cerequio
  • Barolo CannubiBarolo 2016: Michele Chiarlo, vini all’insegna della sostenibilità “VIVA”

L’ANNATA 2016 Il mese di gennaio ed i primi quindici giorni di febbraio sono stati caratterizzati da temperature miti e scarse precipitazioni. Da metà febbraio a tutto marzo le temperature sono state decisamente inferiori alla media del periodo e sono arrivate abbondanti precipitazioni: condizioni climatiche che hanno determinato un ritardo nella ripresa vegetativa di almeno 10 giorni.

Barolo 2016: Michele Chiarlo, vini all’insegna della sostenibilità “VIVA”La primavera è proseguita con abbondanti piogge, che non hanno creato danni fitopatologici, ma determinato un’ottima riserva idrica nel suolo che si è rivelata preziosa durante la lunga estate. La maturazione è avvenuta in maniera graduale con giornate luminose e secche con temperature abbastanza elevate – che però non hanno mai superato i 35 C° – mantenendo i ritardi accumulati in primavera.

Nel periodo della maturazione non ci sono state precipitazioni consistenti ma solo sporadici temporali. Da metà agosto a fine settembre escursioni termiche notte/giorno di 15-18 C° hanno favorito lo sviluppo di aromi importanti in uve perfettamente sane con bucce particolarmente spesse.Barolo 2016: Michele Chiarlo, vini all’insegna della sostenibilità “VIVA”

La vendemmia è stata particolarmente lunga. Iniziata la prima settimana di settembre con il Moscato è terminata a metà ottobre con il Nebbiolo da Barolo.

Federica Guerriero

Barolo 2016: Michele Chiarlo, vini all’insegna della sostenibilità “VIVA”Chi è Federica Guerriero
Milanese di nascita, studi universitari, ha maturato la sua passione per il turismo enogastronomico, le tradizioni popolari, la storia e la cultura degli alimenti durante i numerosi viaggi in giro per il mondo, grazie anche alla padronanza di diverse lingue, come inglese e francese. Collabora come freelance anche per altre testate giornalistiche registrate, come Mondo in Tasca, Giornale di Cultura del viaggiare on line a pubblicazione quotidiana.

 

adsense – Responsive – Post Articolo